Ferrara Ebraica: Le lapidi israelite nella colonna di Borso d'Este

A Ferrara, nella piazza della Cattedrale, si ergono, quasi a difendere l’ingresso dell’antica corte ducale (ora piazzetta Municipale) due statue a grandezza naturale. Quella di destra raffigura Nicolò III d’Este a cavallo e quella di sinistra Borso d’Este assiso su un faldistorio. Nel 1716 un incendio danneggiò il fusto marmoreo della colonna di Borso, per il restauro vennero usati dei marmi sepolcrali presi dal cimitero ebraico. Nel 1960-61, durante un ulteriore restauro, tornarono alla luce tali lapidi, tuttora visibili nella colonna di Borso d’Este davanti al palazzo Ducale di Ferrara.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Flavio Baroni

Il Rione Giardino. Quartiere Gad a Ferrara: Illustrato

Il Rione Giardino. Quartiere Gad a Ferrara: Illustrato di

Questo libro è frutto di una ricerca volta a individuare storia, tempi e autori dei fabbricati edificati a Ferrara nel Rione Giardino (ex Fortezza). Il piano d’intervento ipotizza villini nel verde, un parco pubblico, un campo sportivo e un enorme acquedotto, il tutto pensato e realizzato all’interno della cinta muraria... e tutto senza una minima idea di sviluppo futuro! Esamina inoltre l’iter...

Il mistero dell'Occhio Alato: Leon Battista Alberti

Il mistero dell'Occhio Alato: Leon Battista Alberti di

Il recto della medaglia raffigurante l’emblema di Leon Battista Alberti (1404-1472) mostra il suo busto di profilo: il ritratto è derivato dall’esempio di Pisanello (maestro dell’autore della medaglia, Matteo de’ Pasti). Il rovescio presenta un’allegoria misteriosa, probabilmente concepita dallo stesso Alberti. Vi è un Occhio Alato al centro, che deriva dall’iconografia egizia dell’occhio di Ho...