Il Dio di Roserio

È il primo racconto lungo scritto da Testori, a suo tempo pubblicato nella collana “Gettoni” da Einaudi nel 1954, qui finalmente ripresentato nella sua versione originaria. In seguito, infatti, l’autore avrebbe tagliato questo racconto di una cinquantina di pagine, tutte quelle di stampo futurista di descrizione della corsa, ridimensionandolo da libro autonomo a prima parte de Il ponte della Ghisolfa. L’ambiente in cui si svolge la vicenda è quello del ciclismo non professionista, delle società ciclistiche dilettantesche, accomunate dal grande miraggio rappresentato dal Giro d’Italia. La migliore chance per diventare ricchi e famosi, in un’Italia – quella del primo dopoguerra – che recava ancora ben visibili i segni della distruzione del conflitto. Occupano il proscenio da una parte Dante Pessina, di professione benzinaio, campioncino dai discreti mezzi, e dall’altra il suo gregario, Sergio Consonni. Nel corso di una gara, il campione ha un appannamento fisico, di cui il gregario crede di poter approfittare per il proprio tornaconto. Ma proprio allora, questi incorrerà in una caduta che lo ferirà gravemente: un incidente che lo renderà menomato psichicamente per tutta la vita. Consonni non troverà più la voce per esprimere il suo sospetto più grave e cioè che a causargli quell’incidente sia stato proprio il “Dio di Roserio”, il Pessina. Mentre quella spinta diventerà una vera e propria ossessione per il campione, che a quel punto vincendo L’Olona, la corsa più importante della stagione, vorrà fugare, soprattutto a se stesso, ogni dubbio di tipo esistenziale.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Ciò che eravamoIl Consigliere Letterario

Il ciclismo, tema del romanzo e sua metafora, nella prosa di Testori diviene il centro di gravità delle emozioni umane, il prisma che ne moltiplica le insanabili contraddizioni; la concitazione della gara, che l’autore restituisce in pagine densissime, nelle quali è solo l’occhio del corridore a registrare l’immediato scorrere delle cose, il loro disordine, la loro sostanziale incomprensibilità, riflette l’accendersi violentissimo dei desideri, il deflagrare di una volontà di potenza dinanzi alla quale ogni ostacolo viene travolto. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Giovanni Testori

Gli angeli dello sterminio

Gli angeli dello sterminio di

“Se si volessero fare dei nomi, ci sarebbe solo l’imbarazzo della scelta: la letteratura contemporanea, in blocco, non dice in definitiva altro che l’orrore di esistere, il dilagare dell’assurdo, l’angoscia del nulla e la catastrofe come ultima e unica residua possibilità di senso. Nomi? Vanno terribilmente bene Kafka e Kraus, Beckett e Peter Weiss, Céline e Ionesco, Rimbaud e Dürrenmatt, Gottf...

Il Fabbricone

Il Fabbricone di

È il primo vero romanzo di Testori, ambientato in un palazzo popolare della periferia milanese degli anni cinquanta, il Fabbricone. Protagoniste sono le voci delle persone che lo abitano, che di continuo dalle finestre si rimandano l’un l’altra. Costruito su tante storie plurali, il libro si dipana anche intorno a una trama centrale: la storia d’amore tra la Rina e il Carlo. Come novelli Romeo ...

La Gilda del Mac Mahon (Universale economica)

La Gilda del Mac Mahon (Universale economica) di

La Gilda del Mac Mahon è una raccolta di racconti successiva al Ponte della Ghisolfa, spesso rappresentata a teatro, proprio per lo straordinario calore umano delle vicende. Nella Gilda Testori descrive gli effetti che nell’immaginario della bellona di via Mac Mahon e dei ragazzotti di periferia hanno i miti della cultura di massa: le dive sexy, le super prestazioni, le soubrette. Al centro di ...

La Maria Brasca

La Maria Brasca di

“E allora cosa vuoi, che si rifiutino di far un favore a me, alla Maria Brasca che, non faccio per dire, ma quando mi prendono per il letto...”La Maria Brasca è un’operaia di calzificio, vive con la sorella e il cognato, ha ventisette anni e da sempre è disposta a tutto pur di ottenere ciò che vuole, anche ad affrontare i pettegolezzi della gente. E ora vuole il Camisasca, Romeo il fannullone, ...

Conversazione con la morte - Interrogatorio a Maria - Factum est: La seconda trilogia (I librii dello spirito cristiano)

Conversazione con la morte - Interrogatorio a Maria - Factum est: La seconda trilogia (I librii dello spirito cristiano) di

Una voce unica. Tre opere indimenticabili. Ecco il trittico di poesia teatrale con cui Giovanni Testori, il più forte e provocatorio drammaturgo italiano del Novecento, fa i conti con il mistero della sua fede e della sua esistenza. Nelle parole dette dialogando con la morte, o interrogando Maria, e nel balbettio potente delle vita che preme per nascere, Testori concentra e in qualche modo rivi...

L'Arialda

L'Arialda di

Terzo capitolo del ciclo testoriano de I segreti di Milano, questa opera teatrale scritta nel 1960 fin da subito è andata incontro a una vicenda particolare. Venne censurata, prima ancora di essere messa in scena, per la presunta oscenità dei temi trattati. In realtà quella teatrale era una versione dell'Arialda già sottoposta a una serie di tagli preventivi, che edulcoravano i temi "sovversivi...