La Serpe e il Mirto (1978): ovvero Il Tempo secondo Aguilar Mendes

Compra su Amazon

La Serpe e il Mirto (1978): ovvero Il Tempo secondo Aguilar Mendes
Autore
Stefano Valente
Editore
Stefano Valente
Pubblicazione
2 ottobre 2015
Categorie
Il tuffo nel mistero - fino al Mistero dei misteri - di Aguilar Mendes, studioso di letteratura portoghese, che dall'Argentina dei militari e dei desaparecidos è scaraventato negli “oscuri” vicoli di Roma, nel labirinto dei suoi enigmi, millenari e presenti.

L’azione prende il via proprio nella mattina cruciale del rapimento di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse: da qui in poi Aguilar Mendes verrà travolto dal girotondo del Tempo che, da quel giorno di piombo del 1978, lo condurrà avanti e indietro per i continenti, tra figure spettrali, complotti politici, segreti e amori.

Un romanzo a cavallo tra il Mystery e il Giallo esoterico...



Gli “ospiti” di una strana pensione di Roma.

Epici bravacci che portano il terrore e il carnevale fin dentro il cuore del Brasile.

Santi-teologi in bordelli della Terra del Fuoco.

Un gatto di Oporto (?) e tre cani infernali.

Antenati-Serpente dell’altra parte del mondo.

Le malinconie dolci di Lisbona.

L’America Latina dei carnefici e dei desaparecidos...

E un eroe, forse.

Forse, perché Rosario Aguilar Mendes è l’uomo delle mille possibilità, e di nessuna; seduto obliquamente, in attesa, all’incrocio di tutti i sentieri, di tutte le scelte; sospeso fra i misteri di luoghi e presenze che esistono e scompaiono, per poi riapparire nei sogni, o nei racconti.

E nonostante questo — o proprio per questo — andrà fino al fondo delle cose, là dove le tenebre celano i segreti più grandi, e Lucifero può anche essere semplicemente un vecchio studente pieno di rancore.



(Prefazione di Isabella Moroni)

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Stefano Valente

Il Barone dell'Alba: Uno scritto settecentesco

Il Barone dell'Alba: Uno scritto settecentesco di

«Alterne venture, viaggi e peripezie, come li visse il giovine Francesco Antonio, Barone di Santamaria di Calòria, narrati da lui medesimo». “In un silenzio anomalo, inadeguato, gli zoccoli dei quattro cavalli, provati dal viaggio, riecheggiavano ovattati sul piancito di strade deserte. Non v’era oro né argento lungo i marciapiedi e, più inquietante di tutto, non c’era anima viva per via....

Del Morbo - Una cronaca del 1770

Del Morbo - Una cronaca del 1770 di

Lille Havn. Una cittadina costiera con un piccolo porto in un minuscolo regno del Nord, da qualche parte fra Prussia e Danimarca. Lassù, in uno strano inverno, ogni cosa appare estranea, remota. Lontanissima, fioca, la luce abbacinante della Raison che presto — dalla Francia dei Diderot, d’Alembert, Voltaire — investirà i fasti impigriti delle anziane monarchie d’Europa. Impercettibile e muto...

Il delegato Poznań è stanco: Loro ti osservano, Loro ti ascoltano, Loro sanno sempre dove sei...

Il delegato Poznań è stanco: Loro ti osservano, Loro ti ascoltano, Loro sanno sempre dove sei... di

Nei territori della vecchia Europa, nell'era successiva al IV Conflitto, il delegato per la Salvaguardia Pubblica PoznaÅ„ è alla prese con il caso più delicato della sua carriera. Una cellula terroristica ha rapito il giovane amante del Ministro della Propaganda e i vertici del nuovo ordine annaspano nel panico più totale. Rimettere insieme i pezzi di un mosaico di cui si conosce solo un...

Sensei delle Stelle

Sensei delle Stelle di

Un sensei… non è solo un maestro nell'arte del combattimento, un imbattibile campione. Oppure un filosofo che ha optato per la Via Sottile. Da un sensei può dipendere l'equilibrio o la rovina di imperi intergalattici. Dalle azioni e dalle scelte di un sensei può derivare la preservazione o lo squarcio irreversibile della stessa trama spaziotemporale… «(...) del Bodhisattva Chandrapadvana,...