Come pagine di un libro

È considerata l’editor più rispettato della sua generazione.
Una donna che ha trascorso la sua vita personale e professionale accanto a scrittori entrati nella storia della letteratura del Ventesimo e Ventunesimo secolo. In questo libro Diana Athill condivide con l’amico Edward Field ventisei anni di vita quotidiana, con le sue minuzie e le deliziose spigolature di un’esistenza che sarebbe impossibile definire comune: dal pranzo di lavoro con la ex di V.S. Naipaul agli acciacchi della vecchiaia, dalle preoccupazioni per l’amante Barry ai buffi scontri con le nuove tecnologie. Queste lettere intime e brillanti come un’opera narrativa, sono scritte in uno stile straordinariamente vitale ed elegante, e delineano un percorso che va dall'ultimo periodo di lavoro alla pensione, dall'immersione nella scrittura fino alla consacrazione letteraria. Un ritratto d’autore unico nel suo genere, spontaneo, dal piglio inconfondibile.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Mangialibri

Come pagine di un libroMangialibri

Sono preoccupata per Barry e lo è anche suo fratello Lloyd. Ormai non si alza quasi più dal letto e non fa assolutamente nulla tranne guardare lo sport in televisione, mangiare e dormire. Sta cessando di esistere come essere intelligente. L’altro giorno Lloyd ha detto: “Si sta spegnendo sotto i nostri occhi”. Assisto da molto al restringersi dei suoi orizzonti, ma non me ne Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di Diana Athill

Diario fiorentino. Viva!: Ricordi di viaggio e altre cose che contano

Diario fiorentino. Viva!: Ricordi di viaggio e altre cose che contano di

In occasione del suo centesimo compleanno Diana Athill, una vera e propria istituzione dell’editoria inglese, ci regala un doppio memoir sorprendente sui viaggi e sulle cose importanti della vita. Una vita, la sua, vissuta intensamente, ricca di soddisfazioni professionali e ricchissima di relazioni.Che cosa conta davvero alla fine? In quella strana stagione che è la vecchiaia quali sono i rico...