Per un pugno di corone: Vita liberamente narrata di Giovanni da Procida da Federico II alla guerra del Vespro parte prima

Trentamila anni prima di Cristo. Nei pressi delle grotte di Altamira, una famiglia di Neanderthaliani svolge diligentemente i diversi compiti domestici quotidiani. Nei dintorni alcuni Sapiens si aggirano, simili a scimmie, alla ricerca di frutti. All'improvviso una luce squarcia il cielo sereno. Un oggetto cristallino e luminescente è precipitato nel bel mezzo della pianura. Dono di Dio o maledizione del suo alter-ego? I sapiens si avvicinano e se ne impossessano. Qualcosa in loro cambia. Diventano intelligenti, evoluti, malvagi. Brandiscono la nuova terribile arma. Fanno strage dei Neanderthal, di tutti, eccetto uno. Il prescelto dal Demiurgo, costruttore dell'Universo, rimasto nascosto all’interno della grotta. Costui viene incaricato di trovare uomini che siano in grado di distruggere il bastone del potere.
Millenni dopo, il bastone è perduto ma a Salerno un padre istruisce suo figlio, Giovanni da Procida, narrandogli le vicende del
bastone nei secoli. Personaggio storico realmente esistito, ambiguo e misterioso, medico, spia, diplomatico, soldato, sarà il membro indiscusso di una delle due fazioni che si contenderanno il possesso dell’arma divina. La sua fazione è quella cristiana che vorrebbe utilizzare il bastone del potere per dominare ed asservire il mondo incatenandolo in una sorta di schiavitù votata ad un principio superiore. Dall’altro lato della barricata, una donna, figlia di un'ebrea convertita al cristianesimo e di un islamico, guidata dal prescelto del Demiurgo, ha l’ingrato e complesso compito di recuperarlo e distruggerlo, se possibile, o nasconderlo per sempre, per liberare il mondo da un pericolo sovrumano. Chi troverà per primo l'arma divina e che uso ne farà?
Tra le pieghe della vicenda oscura e recondita si dipanano gli eventi storici reali che prendono l’abbrivio dal ritorno di Federico II nel regno di Sicilia intorno al 1220 e proseguono seguendo i contrasti accesi tra cristiani ed islamici, papato e svevi, svevi e angioini, angioini ed aragonesi, fino alla fine della guerra del Vespro nel 1302. Re di Francia e d'Aragona, Imperatori del Sacro Romano Impero, Papi, avventurieri e soldati lottano per un pugno di corone, quasi a fare a gara a chi ne ha di più. La preda più ambita al centro delle vicende è la, un tempo ricca, terra di Sicilia, descritta da storici, geografi e viaggiatori come un luogo prosperoso ed opulento.
Remoto ricordo di un passato o realtà concreta? Il gioco varrà veramente la candela o i contendenti si combatteranno per una terra ormai aspra e sterile, troppo sfruttata negli anni precedenti per offrire nuovi frutti?

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Valerio Ciaco

Deserto cremisi

Deserto cremisi di Valerio Ciaco

Una tranquilla spedizione archeologica di un importante scienziato francese, insieme alla figlia neolaureata, nell’inospitale territorio della Mauritania, si tramuta in un incubo atroce e sconvolgente. Per una serie sfortunata di coincidenze assistono ad uno strano scambio nel cuore del deserto tra una gang di neri ed un gruppo islamico; uno scambio che sarebbe dovuto rimanere celato e che ...

Fiamme di libertà: Racconto della Rivoluzione francese attraverso gli occhi di un nobile, un borghese ed un plebeo

Fiamme di libertà: Racconto della Rivoluzione francese attraverso gli occhi di un nobile, un borghese ed un plebeo di Valerio Ciaco

Romanzo storico ambientato nei foschi anni della rivoluzione francese, dalle prime preoccupanti avvisaglie del 1787 agli anni terribili del Terrore giacobino per giungere al 1796 anno di nascita del Direttorio e dell’avvento del nuovo padrone Napoleone Bonaparte. Le vicende della rivoluzione si dipanano sotto gli occhi di osservatori e comprimari che, loro malgrado, si trovano a dover fare...

La guerra del Vespro: Seconda e ultima parte della Saga di Giovanni da Procida

La guerra del Vespro: Seconda e ultima parte della Saga di Giovanni da Procida di Valerio Ciaco

Giovanni da Procida esule, ma mai domo, è giunto in terra d'Aragona pronto ad accattivarsi le simpatie del sovrano per spingerlo ad un'ardua impresa: conquistare la Sicilia e Napoli, a suo dire per liberarla dal gioco angioino. In realtà i suoi scopi più reconditi sono sempre volti ad impossessarsi della spada del destino che gli permetterebbe di dominare il mondo. La sua arcinemica Ashana ha ...

Per un pugno di corone: Vita liberamente narrata di Giovanni da Procida da Federico II alla guerra del Vespro   parte prima

Per un pugno di corone: Vita liberamente narrata di Giovanni da Procida da Federico II alla guerra del Vespro parte prima di Valerio Ciaco

Trentamila anni prima di Cristo. Nei pressi delle grotte di Altamira, una famiglia di Neanderthaliani svolge diligentemente i diversi compiti domestici quotidiani. Nei dintorni alcuni Sapiens si aggirano, simili a scimmie, alla ricerca di frutti. All'improvviso una luce squarcia il cielo sereno. Un oggetto cristallino e luminescente è precipitato nel bel mezzo della pianura. Dono di Dio o ...