L'isola di Down sul Pianeta Sereno e la "sindrome di high".: Racconto

Questo racconto è nato dal fatto di avere notato come le persone che nascono con la sindrome di down siano, per quanto ho avuto modo di notare, molto dolci e gentili. La sindrome di Down non è una malattia e non può essere curata: è una caratteristica della persona che la accompagna per tutta la vita. I dati principali che annotiamo noi, dall'esterno ci portano a vedere che quanti nascono con questa sindrome hanno caratteri comuni e si assomigliano tra di loro. La sindrome di Down è un insieme di manifestazioni fenotipiche correlate alla presenza, parziale o completa, di un cromosoma 21 soprannumerario. Per questo, la sindrome di Down è nota anche con il nome di "trisomia 21" e venne studiata per primo da John Langdon Down da cui prese il nome il quale, nel 1959 scoprì che le persone con sindrome di Down hanno un cromosoma in più nelle loro cellule. In pratica è una "condizione genetica".
Nelle cellule degli esseri umani ci sono 46 cromosomi, divisi in 23 coppie e numerati da 1 fino a 23.
23 cromosomi vengono dalla madre, 23 cromosomi vengono dal padre.
I 23 cromosomi della madre si uniscono ai 23 cromosomi del padre: in questo modo si forma una nuova cellula con 46 cromosomi.
L'insieme di questi cromosomi definisce le caratteristiche di ciascuno che in parte vengono dai suoi genitori, in parte da come sono mescolate queste caratteristiche.
Per questo ognuno di noi ha delle caratteristiche uniche che ci rendono diversi dagli altri (per esempio il colore dei capelli, l'altezza, il colore della pelle, e persino il carattere, il modo con cui affrontiamo il mondo sin da piccoli).
Nella coppia di cromosomi numero 21 di chi ha la sindrome di Down, ci sono 3 cromosomi invece di 2, da qui anche il nome di Trisomia 21.
Chiaramente la nascita di un bambino/a con questa sindrome crea una situazione problematica nei genitori, affrontata, a seconda dei casi, differentemente.
A me piace ricordare le parole di una madre:
- "«Ogni giorno mi insegna la bellezza delle piccole cose, mi insegna che ciò che conta nella vita è solo l'amore. Lui è speciale, non per il suo cromosoma in più, ma perché nonostante il suo cromosoma in più, vive nel modo in cui noialtri impieghiamo spesso una vita intera prima di impararlo: la felicità è nel dare e ricevere amore. I suoi continui "ti voglio bene mamma" e i suoi meravigliosi sorrisi in cui mi perdo, ne sono la prova»."-
https://www.lecodelsud.it/mio-figlio-con-la-sindrome-di-down-il-mio-maestro
Infine è nato in me l'idea che questa "sindrome" potesse rappresentare "il tentativo di una divinità" di creare un essere differente da noi umani "sani", "in meglio". Più buono, sorridente, gentile, incapace di guerra e immune dai lati negativi che l'uomo cosiddetto "normale" porta con sé. Che "da qualche parte nel cosmo" possa esistere un mondo dove "essere down sia la normalità" e che in quel felice territorio non esistano tutte le situazioni negative che contraddistiguono il nostro mondo. Dove, insomma, l'anormalità sia la "sindrome di high".

Buona lettura.

Bianca Fasano.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Bianca Fasano

"Il gemello decerebrato" : Romanzo

"Il gemello decerebrato" : Romanzo di Bianca Fasano Bianca Fasano Accademia dei Parmenidei

"Il gemello decerebrato". Presentazione dell'autrice. L'uomo, oggi in special modo, "gioca a fare Dio". Non è detto che ogni uomo creda in una divinità superiore che lo abbia creato, come si potrebbe fare un giorno con un robot di carne. Guardando "nel fondo del cielo" un team internazionale di astronomi ebbe modo di immortalare nella costellazione del Leone (la mia come segno zodiacale), ...

"Prendo il tuo corpo. (Un corpo, un cervello)". : Romanzo

"Prendo il tuo corpo. (Un corpo, un cervello)". : Romanzo di Bianca Fasano Bianca Fasano Accademia dei Parmenidei

La prima parte del romanzo nasce trenta anni fa, crioconservato come un embrione, ha preso vita soltanto oggi. Mi ero posta la domanda: -"Sarà mai possibile un trapianto di cervello umano?"- Per chi crede nell'anima, oltre alle ragioni scientifiche esistono quelle filosofiche e religiose:-"Che fine farà l'anima del donatore?"- -"Che fine ha fatto l'anima del ricevente?"- Inoltre: - "Il paziente...

"La saggezza della follia." Commedia.

"La saggezza della follia." Commedia. di Bianca Fasano Bianca Fasano Accademia dei Parmenidei

Tutte le commedie napoletane in qualche modo non riescono ad allontanarsi dal ricordare il metodo con cui pulcinella Cetrulo conquistava il pubblico: mostrando la difficoltà del vivere e traducendola in occasione di divertimento. Difficile per una scrittrice napoletana non essere tentata, almeno una volta nella vita, di scrivere un testo vagamente vicino alle splendide opere di Eduardo De ...

"Terra al Sole - Romanzo: Con una aggiunzione al 24/11/18

"Terra al Sole - Romanzo: Con una aggiunzione al 24/11/18 di Bianca Fasano Bianca Fasano Bianca Fasano

Recensione di un lettore. Un libro di grande freschezza. L'autobiografia di una giovane donna (credo poco più che ventenne) che dalla Napoli bene si ritrova per amore in una terra arcaica come il Cilento. Il libro, organizzato per capitoli tematici ma con una successione più o meno cronologica, racconta in modo fresco e leggero lo stupore e l'adattamento di una cittadina a una provincia ...

Appunti per "Una scienza dell'occultismo": Di Anhelus

Appunti per "Una scienza dell'occultismo": Di Anhelus di Bianca Fasano Bianca Fasano

Le pagine di appunti di parapsicologia di Anhelus, raccolti in questo volume, sono importanti in quanto immergono il lettore in un periodo particolare giacché: “occorre ricordare che gli anni "bui", precedenti all'uso domestico dell’energia elettrica sono stati i più ricchi per quanto riguarda il verificarsi di ogni tipo di fenomeno in cui erano chiamate in causa le presenze spirituali. Le ...

La grafia dell'amore e dell'odio ed altri metodi di conoscenza dell'essere umano: Parte IV. Grafica automatica: fenomeno parapsicologico?

La grafia dell'amore e dell'odio ed altri metodi di conoscenza dell'essere umano: Parte IV. Grafica automatica: fenomeno parapsicologico? di Bianca Fasano Bianca Fasano

Grafica automatica: fenomeno parapsicologico? Trarre conclusioni potrebbe apparire troppo presuntuoso, specialmente accettando l’ipotesi che la scrittura automatica sia un fenomeno paranormale (nello spiritismo, è anche definita scrittura medianica, o scrittura spiritica), ossia dando per vera la possibilità che sia il prodotto di una comunicazione con l’aldilà o un’altra dimensione. ...