Lazarillo de Tormes

Romanzo spagnolo di autore ignoto, che ha inaugurato il genere della letteratura picaresca, venne edito a Burgos nel 1554 e proibito dall'Inquisizione nel 1559. Di ambientazione popolare, ma che rivela la mano di uno scrittore colto, il Lazarillo è la storia di un giovane accattone sempre affamato che si gnadagna da vivere con mille astuzie. Scritto quasi cinquecento anni fa, è di un'attualità sorprendente: Lazarillo, oggi, sono gli sciuscià napoletani, gli immigrati extra-comunitari, i bambini-killer o i corrieri della droga; un'umanità, quindi, che non ha voce, ma solo un grido disperato per farsi sentire.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Anonimo

Cento e una notte (Nuova Universale Einaudi Vol. 18)

Cento e una notte (Nuova Universale Einaudi Vol. 18) di

Il manoscritto delle Cento e una notte conservato presso l'Aga Khan Museum in Canada, datato 1234, è il piú antico fra quelli che ci hanno trasmesso questa raccolta di novellistica araba di area andalusa, autonoma rispetto alle Mille e una notte ma con molti punti di contatto, a partire dal personaggio di Shahrazād. Questo manoscritto è stato tradotto per la prima volta in una lingua europea ne...

Romanzo di Esopo (testo greco a fronte): Con note linguistiche, sintattiche, storiche ed elenco completo dei paradigmi dei verbi (I Grandi Classici Greco-Latini Vol. 2)

Romanzo di Esopo (testo greco a fronte): Con note linguistiche, sintattiche, storiche ed elenco completo dei paradigmi dei verbi (I Grandi Classici Greco-Latini Vol. 2) di

La presente edizione fa parte di una collana che offre per la prima volta testi dell’antichità greca e latina in una veste del tutto inedita: ogni opera presenta il testo originale con note relative alla lingua, alla tradizione e alle figure retoriche (utili a studenti liceali o universitari, oltre che a un pubblico più specialistico); la traduzione italiana è corredata di note di vario tipo, c...

Lazarillo de Tormes: La vita e le avventure di Lazarillo de Tormes

Lazarillo de Tormes: La vita e le avventure di Lazarillo de Tormes di

Un romanzo originale che è considerato il capostipite dei romanzi picareschi, scritto a metà ‘500 da autore ignoto, che racconta le avventure di un ragazzo che, dopo la morte del padre, viene posto dalla madre al servizio di un cieco, il quale insegnerà al fanciullo, a sue spese, quanta malizia è necessaria per sopravvivere. Lazarillo passerà al servizio di altri padroni e avrà modo di osservar...

Briganti, arrendetevi!...: Ricordi di un antico bersagliere

Briganti, arrendetevi!...: Ricordi di un antico bersagliere di

Storia di briganti, tutta umana, di avvincente e drammatica concretezza quella che si offre al lettore nelle pagine di questo memoriale, pubblicato in forma anonima a Torino nel 1897. Un racconto dal taglio narrativo rapido ed essenziale che corre lungo il filo della memoria a ricostruire avvenimenti, anche più minuti, e strategie militari; a descrivere ambienti e personaggi visti e conosciuti ...

Lukà Mudìščev: Versi non per signore

Lukà Mudìščev: Versi non per signore di

Spassoso poemetto scurrile in quartine a rima baciata opera di anonimo, Lukà Mudiṥčev è uno dei più famosi testi della letteratura licenziosa russa, che narra di un'insaziabile vedovella alla ricerca di forti godimenti: una mezzana le trova il superdotato Lukà che vanta un membro imponente, "fiero retaggio di famiglia", ma la storia finisce tragicamente. Se ne conoscono varie versioni in russo,...

Mastro Titta, il boia di Roma: Memorie di un carnefice scritte da lui stesso

Mastro Titta, il boia di Roma: Memorie di un carnefice scritte da lui stesso di

Giovanni Battista Bugatti, detto Mastro Titta (Senigallia, 6 marzo 1779 – Roma, 18 giugno 1869) e noto anche in romanesco come "er boja de Roma", fu un celebre esecutore di sentenze capitali dello Stato Pontificio. Nel 1891 viene pubblicata "Mastro Titta, il boia di Roma: memorie di un carnefice scritte da lui stesso", una falsa autobiografia di Mastro Titta che prende spunto dal taccuino di ap...