Il commissario De Vincenzi. Le sette picche doppiate (Fogli volanti)

Milano e il solito nebbione, gennaio. Una sala da gioco fumosa, tre tavoli e dodici giocatori. Tutti hanno un motivo per uccidere e tutti nascondono un segreto per il quale essere assassinati. In quello spazio claustrofobico, al colmo della tensione, viene commesso un omicidio. Chi ha ucciso e perché? La cinica direttrice della sala, per la quale un morto è solo un guadagno in meno? L’incallito delinquente per cui il denaro è l’unico scopo di vita? Il nobile milanese dai tanti scheletri nell’armadio? Il Sir inglese tanto gentile ed educato? Il giovane rampollo rancoroso e inetto? La diva del cinema hollywoodiano oramai lontana dai palcoscenici? La giovane nevrotica incapace di controllarsi? Grazie al suo intuito, De Vincenzi riuscirà a decifrare anche questo rebus, un labirinto in cui le carte da gioco sono i taselli di un terribile puzzle.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Augusto De Angelis

Le sette picche doppiate

Le sette picche doppiate di Augusto De Angelis

La nebbia era così fitta che le lampade ad arco della strada e quelle dei negozi riuscivano appena ad aprirvi aloni rossastri. Alle quattro e mezzo del pomeriggio era notte. I viandanti procedevano per quanto possibile contro i muri, e i tranvai e le auto andavano a passo d'uomo con fragor sordo di campane e di claksons. I due uomini si scontrarono sulla soglia illuminata dell'albergo. Erano ...

Sei donne e un libro

Sei donne e un libro di Augusto De Angelis

Le prime luci dell'alba illuminavano la piazzetta deserta. Sotto l'androne, che metteva in un cortile aperto, si vedeva il chiarore della lampada accesa davanti all'immagine della Madonna. Qualche minuto prima, tutte le luci delle strade si erano spente di colpo. L'aria era piena di brividi.

Il mistero della Vergine

Il mistero della Vergine di Augusto De Angelis

Erano due curiosi esemplari della razza umana. Il caffè d'angolo – sul quadrivio – lasciava i tavoli di ferro e le seggiole tutta la notte all'aria aperta, sul marciapiede larghissimo, a disposizione dei nottivaghi. Unica precauzione era quella che prendeva il cameriere alle due, quando le saracinesche si abbassavano, con l'aggrupparli contro il muro, tra una porta e l'altra.

Il candeliere a sette fiamme

Il candeliere a sette fiamme di Augusto De Angelis

Lo spettacolo di quel morto, steso sul piancito di mattoni porosi e sgretolati, in quella stanza buia, che la lampadina accesa al soffitto illuminava d’una luce smorta e polverosa, non era davvero bello. De Vin-cenzi, spalancata la porta e girato l’interruttore, diede addietro di un passo.

Intelligence Service. La fucina dello spionaggio inglese

Intelligence Service. La fucina dello spionaggio inglese di Augusto De Angelis

Pubblicare in questo momento un'opera di pura documentazione sui fasti e nefasti dell'«Intelligence Service» inglese mi sembra doveroso. Ognuno – mentre dura l'assedio economico e mentre l'ipocrisia societaria di Ginevra combatte in Africa contro di noi e non nel senso metaforico del verbo – deve dare alla Patria quel che ha.

Viaggi con Claudine

Viaggi con Claudine di Augusto De Angelis

Ho raccolto in volume questi miei articoli. Raccoglierò gli altri. Per noialtri che vediamo la nostra prosa vivere lo spazio di un giorno e morire col tramonto, o nella migliore delle fortune trascinarsi ancòra per qualche giorno, penosamente, da un tavolo ad una seggiola, dal bancone di un negozio al carretto dello spazzaturaio, è pure di conforto poterla comporre in onorata sepoltura, dentro ...