La casa della gioia (Le Grandi Scrittrici)

Compra su Amazon

La casa della gioia (Le Grandi Scrittrici)
Autore
Edith Wharton
Editore
Neri Pozza
Pubblicazione
12 giugno 2014
Categorie
Nella New York dei primi anni del secolo scorso, Lily Bart vive tra i sontuosi ricevimenti dell’alta società, i viaggi all’estero e i soggiorni nelle residenze degli amici. Le sue uniche doti sono la bellezza e l’intelligenza, che usa per muoversi in un ambiente ipocrita di cui vuole ostinatamente far parte e nel quale spera di trovare marito.
Un sentimento forte e contrastato la lega a Lawrence Selden, giovane avvocato che vive del suo lavoro: Lily sa bene che non rinuncerebbe mai agli agi tra cui è cresciuta e che è stata educata a desiderare, tuttavia non riesce a staccarsi da lui.
Inorridita dalla prospettiva della povertà, tenta di conquistare il rampollo di una celebre dinastia, ospite come lei di amici comuni, ed è allora che la parabola disegnata dalla sua vita tocca il culmine
per poi iniziare un’inesorabile discesa. Incapace di vivere della rendita mensile che le passa la zia, la giovane donna si indebita al tavolo da gioco e chiede in prestito una consistente somma di denaro. La sua bellezza diventa arma di ricatto per gli uomini e motivo di cieca gelosia per le donne.
Nel momento più tragico della sua vita, tuttavia, Lily acquista di colpo lo spessore di una figura eroica: la rettitudine e l’integrità morale, un tempo apparentemente insospettabili, le impediscono di vendersi al miglior offerente.
Con una scrittura moderna e implacabile nell’indagare l’anima e la psiche dei suoi personaggi, Edith Wharton costruisce un romanzo dall’architettura narrativa perfetta, ritraendo impietosamente l’alta
società newyorchese dei primi del Novecento, in un contesto di splendori e miserie umane attuale anche a distanza di un secolo, e dando vita a una delle figure femminili più luminose della letteratura.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Edith Wharton

L'età dell'innocenza (Emozioni senza tempo)

L'età dell'innocenza (Emozioni senza tempo) di

Archer, già fidanzato con May, s’innamora profondamente di Ellen, moglie separata di un corrotto conte polacco. Ellen è una donna che ha deciso di vivere libera e non viene accettata in una società estremamente formale come quella dell’alta società di New York agli inizi del ‘900. È la storia di un amore distrutto dalle regole di una società ipocrita, dalle rigide convenzioni e dai pettegolezzi...

Raggi di luna

Raggi di luna di

Sposi per un anno. Questo è il patto che Nick e Susy Lansing hanno stipulato: rimanere uniti nella buona sorte fino a quando il denaro dei regali di nozze e l’ospitalità degli amici permetterà loro di continuare la luna di miele. Poi, se una migliore occasione si presenterà a uno di loro, l’altro acconsentirà a lasciarlo libero. Lo scenario dei primi mesi di questa anomala unione è idilliaco: u...

L'età Dell'Innocenza - Edizione Italiana  - Annotata: Edizione annotata

L'età Dell'Innocenza - Edizione Italiana - Annotata: Edizione annotata di

Vincitore del Premio Pulitzer nel 1921 per la fiction; Edith Wharton scrive circa i ricchi nel 1870 la città di New York

Tempo dopo

Tempo dopo di

«Oh, certo che ce n’è uno, ma non saprete mai che lo è.»L’affermazione, saltata fuori allegramente sei mesi prima in un luminoso giardino di giugno, colpì Mary Boyne con una nuova percezione del suo significato latente mentre, nel crepuscolo di dicembre, aspettava che le lampade venissero portate nella biblioteca.Le parole erano state pronunciate dalla loro amica Alida Stair, mentre prendevano ...

La belva bionda

La belva bionda di

"È stato quasi troppo facile… fu questa la prima impressione del giovane Millner quando si ritrovò nuovamente sulla soglia della porta degli Spence, appena terminato il grande momento della sua intervista, con la Fifth Avenue che stendeva il suo sudicio fiume asfaltato ai suoi piedi.Incerto nella luce invernale, il fragore delle massicce porte nelle orecchie e gli occhi rivolti lungo la prospet...

La leggenda

La leggenda di

"È stato quasi troppo facile… fu questa la prima impressione del giovane Millner quando si ritrovò nuovamente sulla soglia della porta degli Spence, appena terminato il grande momento della sua intervista, con la Fifth Avenue che stendeva il suo sudicio fiume asfaltato ai suoi piedi.Incerto nella luce invernale, il fragore delle massicce porte nelle orecchie e gli occhi rivolti lungo la prospet...