Racconti dispersi (1928-1951) (Tascabili. Romanzi e racconti)

Sessantanove ?nuovi” racconti di Moravia, dispersi su giornali, riviste, almanacchi, fra il 1928 e il 1951. Una rinnovata ispezione in varie biblioteche, che Simone Casini e Francesca Serra hanno condotto con mano sollecita, ha dato un frutto insperato. Moravia sembrava aver ?dimenticato”, o lasciato alla sonnolenta dimenticanza degli archivi parte proficua del proprio lavoro. Da quello straordinario regista della propria esistenza che l?autore de ?Gli indifferenti” è stato, vale la pena credere che in quell?oblio abbia avuto parte una voluta ambiguità. Non si trattava di salvare subito in volume quanto egli pensava fosse il fior fiore del proprio ?raccontare” - anche se i racconti che raccolse via via nel corso degli anni Trenta e Quaranta, non per pochi lettori rappresentano un vertice espressivo ineguagliato. Il volume ?Racconti 1927-1951” che li raduna, da ?Cortigiana stanca” a ?Luna di miele, sole di fiele”, è un classico della narrativa italiana del ?900. Credo che Moravia puntasse a fissare un canone di sé, o un?immagine, quella dello scrittore racchiuso per intero in un principio di realtà, di ?romanziere realista”, con tutto quanto rappresentava quest?idea, in senso anche filosofico: non scrittore fotografo della vita, ma narratore interprete dei sospetti che con crudezza l?esistenza declina. Secondo questo criterio egli costruì, selezionò quei suoi volumi. I racconti ora ritrovati ci fanno capire che se certamente è stato l?interprete più felice della tradizione ?realista” italiana che si incardina nei nomi di Boccaccio, Machiavelli, Goldoni e Manzoni, altro c?era nella sua immaginazione, che parrebbe situarsi fuori di quella linea, e che in lui trovò sintesi efficace. Questi racconti ?nuovi”, scanditi in tre fasi - quelli che dagli esordi sfiorano lo scoppio della guerra, quindi i racconti che disegnano ?tipi”, ?caratteri” in bilico fra classicità e surrealismo; infine le narrazioni ?romane” e ?ciociare” del dopoguerra, grondanti felicità visiva - questi racconti, nella loro interezza, ci dicono che Moravia è stato anche buon lettore, discepolo, sosteneva, di Rimbaud e di Dostoevskij. Pagine di sprofondamento nelle oscurità, nelle ?caverne” della psiche, pagine di avviso che il male è sempre sulle porte dell?anima, e poi paure e dilavate, rivoltate fantasie, dove visioni di moderna civiltà urbana spiovono in una atmosfera di cifrata irrealtà: Moravia sembra qui catturato dagli aspetti provocatori, sornionamente e comicamente provocatori anche, del grande decadentismo europeo. Insomma, si tratta di scritti utili soltanto alla ricognizione di un laboratorio, di un?officina? La risposta è no. Non c'è un momento in cui Moravia scrivendo abbia dismesso l?idea che il narratore debba raccontare e raccontare, catturare il proprio lettore, tenerlo alla gola per non fargli perdere il piacere, il gusto di correre l'avventura del mondo, anche se questa avventura è pur sempre un?incognita. Ma, sosteneva, è l?incognita della ?bella vita”. (Enzo Siciliano)

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Racconti 1927-1951Mangialibri

È il 1952 quando Alberto Moravia vince il Premio Strega con I racconti, già pubblicati in un arco di tempo che va dal 1927 al 1951. Tra questi, ci si accompagna, di ritorno a casa o sul portone dell’appartamento dell’amante, a uomini che si ritrovano e si ri-leggono, avvicinandosi e ritraendosi, in corpi femminili, aprendosi in loro un folto contrasto tra idea di donna e multiforme accadimento carnale e psichico nel momento dell'incontro. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.

Altri libri di Alberto Moravia

Gli indifferenti (Classici contemporanei Bompiani)

Gli indifferenti (Classici contemporanei Bompiani) di

Quando Alberto Moravia cominciò a scrivere questo capolavoro, nel 1925, non aveva ancora compiuto diciott’anni. Intorno a lui l’Italia, alla quale Mussolini aveva imposto la dittatura, stava dimenticando lo scoppio d’indignazione e di ribellione suscitato nel 1924 dal delitto Matteotti e scivolava verso il consenso e i plebisciti per il fascismo. Il giovane Moravia non si interessava di...

Se è questa la giovinezza vorrei che passasse presto: LETTERE [1926_1940] (Overlook)

Se è questa la giovinezza vorrei che passasse presto: LETTERE [1926_1940] (Overlook) di

con un racconto inedito “Quelle che si presentano sono lettere vere, prive di qualsivoglia progettualità retorica congegnata per lasciare un’immagine di sé filtrata dalla letteratura; tale verità, intima e personale, condivisa originariamente con il solo destinatario a cui la corrispondenza è rivolta, richiede al lettore e al critico un atteggiamento altrettanto onesto e rispettoso, necessario...

Lettere ad Amelia Rosselli: Con altre lettere familiari e prime poesie (1915-1951) (I grandi pasSaggi Bompiani)

Lettere ad Amelia Rosselli: Con altre lettere familiari e prime poesie (1915-1951) (I grandi pasSaggi Bompiani) di

Alberto Moravia era legato per nascita ai fratelli Rosselli: Carlo e Nello, assassinati in Francia su mandato del fascismo italiano. Con loro, suoi cugini, e con tutta la famiglia Rosselli, in particolare con la zia Amelia, Moravia intratteneva un costante carteggio, qui raccolto con circa 60 lettere: Amelia Rosselli (1870-1954) svolse un ruolo decisivo nella formazione umana e intellettuale...

Agostino (I libri di Alberto Moravia)

Agostino (I libri di Alberto Moravia) di

Quando nel 1944 Alberto Moravia tornò a Roma, al seguito delle truppe alleate, era praticamente un autore che ricominciava, anzi cominciava in quello stesso momento. Il romanzo breve Agostino fu il capolavoro che gli consentì di conquistare i riconoscimenti della critica e del pubblico. Agostino è la storia di un’iniziazione sessuale. Da una parte, un ragazzo di tredici anni che è ancora un...

Agostino (Tascabili Narrativa)

Agostino (Tascabili Narrativa) di

Quando nel 1944 Alberto Moravia tornò a Roma, al seguito delle truppe alleate, era praticamente un autore che ricominciava, anzi cominciava in quello stesso momento. Il romanzo breve Agostino fu il capolavoro che gli consentì di conquistare i riconoscimenti della critica e del pubblico. Agostino è la storia di un’iniziazione sessuale. Da una parte, un ragazzo di tredici anni che è ancora un...

La vita interiore (Tascabili Narrativa)

La vita interiore (Tascabili Narrativa) di

La vita interiore. Il romanzo più terribile di Moravia: sette anni di lavoro, sette stesure, uno sconvolgente ritratto della borghesia omicida e suicida per odio a se stessa e alla vita. "Questo romanzo è un'intervista che il personaggio indicato con il nome di Desideria ha concesso all'autore indicato con il pronome io durante i sette anni che è durata la stesura del libro. Come tutti i...