Un anno qualunque

I diari sono frammenti di vita passata. Ma in essi lo scrivere è rivivere.
Nel frammento si coglie la misteriosa vibrazione della totalità.
Sono anche memoria dell’antefatto che aiuta a comprendere
il presente e a progettare, eventualmente, l’avvenire. Per i giovani
di oggi, così schiacciati sull’immediato, può riuscire utile uno sguardo
sul mondo di ieri che sembra ormai favolosamente lontano mentre
bussa ogni giorno alla porta della coscienza, porta con sé il mito
delle origini, l’infanzia, il tempo senza tempo, l’archetipo sovrastante.
Non siamo nulla in senso assoluto. Siamo solo ciò che siamo stati.
Più precisamente: ciò che ricordiamo di essere stati.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Franco Ferrarotti

Il bosco e l'asfalto: Appunti per un esame di coscienza (prima che sia troppo tardi). Con alcune opere di Giovanni Ferrarotti

Il bosco e l'asfalto: Appunti per un esame di coscienza (prima che sia troppo tardi). Con alcune opere di Giovanni Ferrarotti di

Questo libro è un atto di ringraziamento al nostro passato prossimo, al mondo di ieri, quando le voci umane e quelle degli animali, dai richiami della vita rustica allo starnazzare di oche e anatre, al nitrire dei cavalli, al frinire delle cicale e al muggito delle mucche, non erano ancora superate, per non dire cancellate, dai fragori delle macchine e dagli strepiti velenosi dei tubi di scappa...

Un Greco in via Po: Passeggiate silenziose con Nicola Abbagnano

Un Greco in via Po: Passeggiate silenziose con Nicola Abbagnano di

«E’ morto da qualche anno. Da quanti? Non lo so. Non voglio saperlo. Per me è ancora qui, si aggira silenzioso fra noi. Il dialogo cominciato settant’anni fa è ancora aperto. Il silenzio dei morti è eloquente. Basta saperlo ascoltare».«Nicola Abbagnano aveva imparato per tempo a rinunciare, in parte almeno, alla vitalità in favore della serenità, all’ emotività anche geniale per restare fedele ...