Il giro della prigione (I grandi tascabili)

Durante un viaggio compiuto in Inghilterra nel 1980 in compagnia di Jerry Wilson, Marguerite Yourcenar progetta un’opera che sarà composta dai resoconti del giro del mondo che ha intenzione di portare a termine con il suo giovane amico. Il libro si intitolerà Il giro della prigione, con riferimento alla famosa frase di Zenone, il protagonista dell’Opera al nero:“Chi sarebbe così insensato da morire senza aver fatto almeno il giro della propria prigione?” Il libro, benché alla morte dell’autrice nel 1987 sia rimasto incompiuto, riveste un interesse particolare per i riferimenti biografici e le pagine limpidissime che descrivono luoghi, personaggi e fenomeni culturali del mondo nipponico, al quale sono dedicati i capitoli più intensi del volume.“Non si vede due volte lo stesso ciliegio, né la stessa luna contro cui si staglia un pino.Ogni momento è ultimo, perché è unico. Nel viaggiatore, tale percezione si acuisce per l’assenza delle abitudini facilmente rassicuranti, tipiche del sedentario.”

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Marguerite Yourcenar

Moneta del sogno (I grandi tascabili)

Moneta del sogno (I grandi tascabili) di

Scritto nel 1933 e rielaborato interamente nel 1959, Moneta del sogno ha al suo centro la narrazione, in parte realista e in parte simbolica, di un attentato antifascista nella Roma dell’anno XI della dittatura. Iniziato durante una visita in Italia, questo romanzo si distinse fra tutte le opere letterarie dell’epoca per la precisa presa di posizione contro l’immagine che la propaganda...

Fuochi (I grandi tascabili)

Fuochi (I grandi tascabili) di

“Nato da una crisi passionale, Fuochi, si presenta come una raccolta di poesie d’amore, o, se si preferisce, come una serie di prose liriche collegate fra loro sulla base di una certa nozione dell’amore.Come tale, l’opera non ha bisogno di commenti, in quanto l’amore totale, imponendosi alla vittima come malattia e insieme come vocazione, è da sempre una realtà dell’esperienza e...

Con beneficio d'inventario (Tascabili)

Con beneficio d'inventario (Tascabili) di

Sette “sguardi” attenti e illuminanti rivolti a opere famose e grandi nomi della cultura: sette saggi scritti tra il 1939 e il 1975 da una delle maggiori autrici del Novecento. Dalla Historia Augusta sulla decadenza dell’antica Roma alla rievocazione della Parigi cruenta e intollerante della Notte di San Bartolomeo attraverso il fosco ugonotto Agrippa d’Aubigné e il suo Poema tragico....

Racconto azzurro (I grandi tascabili)

Racconto azzurro (I grandi tascabili) di

Racconto azzurro, La prima sera, Maleficio: tre racconti che rivelano il volto di una Yourcenar inedita, dotata di uno spiccato estro giovanile. Con uno stile leggero e intenso al tempo stesso, l’autrice narra di mercanti alla ricerca di un favoloso “palazzo delle donne”, tutti destinati a una tragica spoliazione; poi dell’improvviso senso di estraneità che coglie due sposi in viaggio...