Il messicano (I corti di Alphaville)

Oggigiorno l’immagine di Jack London (1876-1916) è in primo luogo associata ai suoi celebri romanzi autobiografici d’avventura incentrati sulla corsa all’oro del Klondike (Il richiamo della foresta, Zanna Bianca). Tuttavia, lo scrittore americano fu anche autore di un discreto e fortunato numero di opere narrative di fantascienza – la più famosa delle quali è senza dubbio l’antiutopia The iron heel (1908), vero e proprio libro culto per intere generazioni di militanti marxisti a cavallo tra le due guerre mondiali – e di un paio di romanzi (The game, del 1905, tragica storia di un giovane pugile che muore sul ring sotto gli occhi della fidanzata, e The abysmal brute, del 1913, la vicenda di un campione che scopre che gli incontri da lui disputati sono stati abilmente truccati dal proprio manager) incentrati sul mondo del pugilato, sport di cui era grande appassionato.
Al filone “pugilistico” appartiene anche il racconto qui presentato, Il messicano (The Mexican), pubblicato per la prima volta sulle colonne del “Saturday Evening Post” nel 1911, e poi in volume nella raccolta intitolata The night born (1913). La storia, basata su fatti realmente accaduti e su persone realmente esistite, racconta le traversie di Felipe Rivera, un giovanissimo pugile messicano che combatte in un circuito minore della California per finanziare con il denaro delle proprie borse le attività della Giunta rivoluzionaria messicana in esilio.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione

Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Jack London

Accendere un fuoco

Accendere un fuoco di Riccardo Mainetti Riccardo Mainetti

È un freddo mattino d’inverno quando, nel territorio dello Yukon, un uomo si mette in cammino per raggiungere i compagni che si trovano alla vecchia miniera, sul ramo sinistro dell’Henderson Creek. Un grosso cane husky lo segue mentre si addentra in un paesaggio di abeti rossi, fiumi ghiacciati e distese sconfinate di neve. Inizialmente le condizioni climatiche estreme non preoccupano l’uomo e ...

La peste scarlatta

La peste scarlatta di Jack London

The Scarlet Plague è un romanzo breve pubblicato originariamente sul «The London Magazine» nel 1912. La vicenda si svolge nel 2073, sessant'anni dopo che una terribile epidemia, il "morbo rosso", ha eliminato la maggioranza della popolazione umana e fatto retrocedere i pochi sopravvissuti all'età della pietra. James Howard Smith, un anziano ...

Zanna bianca

Zanna bianca di Jack London

Il richiamo della foresta

Il richiamo della foresta di Jack London Latorre Editore

Questo è uno dei grandi libri per ragazzi che tutti, ragazzi e adulti, dovrebbero leggere almeno una volta nella vita. È la storia avvincente di Buck, un grosso cane del Sud che si trova a vivere un’epica avventura nel grande Nord, in Alaska, durante la mitica corsa all’oro. Quella corsa di cui ci ha raccontato anche Charlie Chaplin. Così il nostro Buck passa dagli agi della vita e dalla ...

Il tallone di ferro

Il tallone di ferro di Jack London MONDADORI

California, anno 419 della Fratellanza dell'Uomo, XXVI secolo dell'era volgare. Lo storico Anthony Meredith ritrova nascosto nel tronco di una quercia il Manoscritto che Avis, moglie e compagna del rivoluzionario Ernest Everhard, ha lasciato incompiuto nel 1932, prima di essere giustiziata dai Mercenari dell'Oligarchia. Nelle pagine scrupolosamente annotate da Meredith si narrano «gli anni ...

Zanna bianca

Zanna bianca di Jack London Rusconi Libri

Zanna Bianca, uno dei romanzi più tradotti, venduti e recensiti del secolo scorso, racconta di un cucciolo di lupo disposto ad accettare qualsiasi sfida per sopravvivere, ma al tempo stesso pronto a sacrificare la propria vita per colui che ha risvegliato nel suo “cuore” di animale selvatico la fiducia nell’essere umano. Buck viene venduto ai cercatori d’oro della dura e ostile Alaska.