Le ragazze invisibili

Henning Mankell sosteneva che il centro dell’Europa fosse Lampedusa. Quando nel 2001 scrisse Le ragazze invisibili, aveva già intuito con chiarezza le dimensioni del dramma che, sempre più imponente, negli anni avrebbe consumato le nostre coste e sconvolto gli equilibri dell’intero continente.
Leyla, Tanja e Tea-Bag, le protagoniste di questo romanzo di sorprendente attualità, sono tre ragazze arrivate in Svezia cariche di sogni. In fuga da paesi disperati, credono di poter cominciare una nuova vita, ma si trovano invece a fare i conti con una solitudine incolmabile: circondate da mura di paura, devono ogni giorno conquistarsi il diritto di esistere. A prescindere da dove arrivano – che sia il Medio Oriente, l’Europa dell’Est o l’Africa – o dal motivo che le ha spinte ad andarsene, sono costrette in un infinito presente, senza più niente alle spalle e senza niente ad aspettarle. Paradossalmente, sono proprio loro, le “ragazze ombra”, a riaprire le porte dell’ispirazione a Jesper Humlin, rispettatissimo poeta di Stoccolma. Ormai più interessante per la critica che per i lettori, Humlin sta vivendo un momento complicato, impegnato com’è a contrastare una fidanzata piena di pretese e la concorrenza di scrittori più intraprendenti di lui. Soprattutto, sta cercando di opporsi tenacemente alle insistenti richieste del suo editore, che vuole a tutti i costi convincerlo a scrivere un poliziesco.
Nel tentativo di recuperare la sua vena creativa, Humlin coinvolge rifugiati e illetterati in un corso di scrittura, lasciando che Leyla, Tanja e Tea-Bag lo conducano per mano al di là di un confine impercettibile, mostrandogli la sua arte, e il suo stesso paese, in una nuova prospettiva.
In questo curioso romanzo ritroviamo un Mankell insolito, capace di mescolare i generi con originalità – dalla commedia al romanzo sociale, fino al teatro dell’assurdo – e di offrire al lettore qualche pagina di pura poesia. E ritroviamo anche i temi a lui più cari, quelli che attraversano tutta la sua opera, dalla serie del commissario Wallander ai romanzi legati all’Africa, confermandolo acuto e ironico osservatore della società, scrittore autentico, in grado di dare una voce a chi non la possiede e un volto a chi è invisibile.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Henning Mankell

Ricordi di un angelo sporco (Tascabili Maxi)

Ricordi di un angelo sporco (Tascabili Maxi) di

Cosa è necessario perché un essere umano possa essere definito tale? Sospesi tra i ricordi e un futuro indecifrabile, ecco un romanzo che si muove in un luogo degli opposti, dove lentamente si capisce che chi vuole ottenere l'impossibile deve diventare un'altra persona. Per Hanna Lundmark, cresciuta in un'umile famiglia nel nord della Svezia, il freddo e la neve sono i primi ricordi e con essi...

Il cane che inseguiva le stelle (BUR RAGAZZI BEST)

Il cane che inseguiva le stelle (BUR RAGAZZI BEST) di

“CHI HA SCONFITTO CHI? È STATO IL PONTE A VINCERE, OPPURE IO? NON HO MAI SUPERATO LA CIMA DELLA CAMPATA, MA NON SONO CADUTO, E NEMMENO SONO MORTO. FORSE NON HA VINTO NESSUNO. DI CHI È LA VITTORIA QUANDO NON VINCE NESSUNO?”

Delitto di mezza estate: La settima inchiesta del commissario Wallander: 7

Delitto di mezza estate: La settima inchiesta del commissario Wallander: 7 di

La settima inchiesta del commissario Wallander. Notte di solstizio. Tre giovani si incontrano in un bosco dell'Österlen: sta per iniziare una cerimonia segreta in onore dell’estate, ma qualcuno li osserva di nascosto. La loro festa si tinge di sangue. Due foto ritrovate fra le carte di un collega assassinato convincono Wallander che gli omicidi sono collegati. Ora la polizia di Ystad è alle...

Il cinese: L'indagine del giudice Birgitta Roslin (Tascabili Maxi)

Il cinese: L'indagine del giudice Birgitta Roslin (Tascabili Maxi) di

In una fredda giornata di gennaio, un lupo affamato arriva a Hesjövallen, nel nord ella Svezia. Sente l’odore del sangue. Nel villaggio ci sono i corpi di diciannove persone: di fronte a una strage così feroce e assurda, la polizia pensa al gesto di uno squilibrato.Può davvero la follia essere così ben pianificata? Il giudice Birgitta Roslin non lo crede e, in nome del legame che la unisce ad...

Piramide: Le inchieste del giovane commissario Wallander: 9

Piramide: Le inchieste del giovane commissario Wallander: 9 di

I primi casi di Kurt Wallander prima di diventare il commissario capo della polizia di Ystad. Cinque racconti per un Wallander inedito, agente alle prime armi, che s'impadronisce del mestiere e fa subito capire che sarà un ottimo poliziotto. «Questi racconti rappresentano per me un punto esclamativo dopo il punto fermo posto alla fine di Muro di fuoco. Talvolta tornare indietro è utile. In...

L'uomo che sorrideva: La quarta inchiesta del commissario Wallander: 4

L'uomo che sorrideva: La quarta inchiesta del commissario Wallander: 4 di

La quarta inchiesta del commissario Wallander. Nel sud della Scania coperta dalla fitta nebbia di ottobre, l’avvocato Gustaf Torstensson viene trovato morto all'interno della sua auto. Per la polizia di Ystad si tratta di un incidente. Intanto, Kurt Wallander è deciso a porre termine alla sua carriera di poliziotto, ma quando viene a sapere che qualcuno ha sparato al suo amico Sten...