PUNTO DI SVOLTA: WENDEPUNKT (La buona vita montanina Vol. 12)

Ambientato in una rigogliosa Vallarsa primaverile, adagiata quietamente nel lontano 1936, il dodicesimo libro di Mario Martinelli ci narra, attraverso gli occhi insieme lievi e profondi del protagonista Giovannino, reduce dalla tempesta d’acciaio della Grande Guerra, di un inatteso quanto gioioso ritorno a casa. Dopo averci condotti con voluttuosa lentezza per i sentieri odorosi di erba appena spuntata della valle del Leno, e averci fatto intravedere realistici scorci della vita quotidiana di quel tempo, il placido racconto di Martinelli assumerà all’improvviso un’imprevista piega gialla, che costringerà Giovannino e i suoi nuovi amici “jobreri” a investigare su un misterioso delitto che tutti sembrano aver voluto, ma che nessuno pare avere commesso…
Caratterizzato dalla consueta capacità di condurre il lettore attraverso un fitto dialogo fra le profondità interiori e la luminosa natura circostante, questo romanzo si addensa attorno a una serie di piccoli, delicati, intimi “Wendepunkt”: quei punti di svolta che, se riconosciuti e accolti, sanno trasformare profondamente la vita di una persona.

“…Ora riconosceva l’inutilità del voler rallentare il naturale decorso dell’esistenza, e gli diventava comprensibile che l’unica cosa giusta era lasciarsi andare, abbandonarsi alla corrente, senza perdere ulteriore tempo in congetture che non pervenivano mai ad alcuna conclusione. Desistere dall’intromettersi con la propria volontà e acconsentire alla vita di portarci dove le pare, ecco il segreto per essere liberi dai crucci. Pure i riflessi che tremolavano tra le fronde lo asserivano. E le cime dei monti azzurrini che svettavano dalle schiarite del bosco, lo confermavano. E Giovannino udì il suo cuore battere con vitalità maggiore. E non dovette fare nessuno sforzo per dichiarare a se stesso che: era felice di essere al mondo. Una gioia traboccante lo aveva invaso, e avrebbe dato chissà cosa per poterla esprimere al Didon, ma queste erano faccende difficili da dire; il linguaggio dei montanari non contemplava le parole adatte a spiegare i turbamenti interiori. Tantomeno quelli che mettevano in subbuglio l’animo di un jobrero di mezza età.”

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Mario Martinelli

LE FASCINE AL COPERTO (La buona vita montanina Vol. 10)

LE FASCINE AL COPERTO (La buona vita montanina Vol. 10) di Mario Martinelli

Questo racconto lungo di Martinelli, di incantevole ambientazione natalizia, nasconde sotto un’apparenza semplice, fatta delle buone cose quotidiane, il caldo e l’affetto della casa famigliare, il crepitio della legna nella stufa, il cadere della neve abbondante fuori dalla finestra, un sorprendente enigma da svelare. Ci troviamo catapultati con Dolfo, il riflessivo e quieto protagonista del ...

LO STRANO INVERNO DEL BRIGADIERE (La buona vita montanina Vol. 15)

LO STRANO INVERNO DEL BRIGADIERE (La buona vita montanina Vol. 15) di Mario Martinelli

Giunto al quindicesimo libro dell’avventurosa saga della Vallarsa, Mario Martinelli ci trasporta in una candida Obra, immobilizzata sotto il peso di una spessa e cotonosa coltre di neve, che intralcia gambe e pensieri a uomini e bestie. Sotto un cielo grigio traboccante di fiocchi, il brigadiere Cecchetto e il suo appuntato Masetti cercano invano di farsi una ragione di quella natura ...

IL CAMMINATORE (La buona vita montanina Vol. 16)

IL CAMMINATORE (La buona vita montanina Vol. 16) di Mario Martinelli

Libro inusuale nella produzione del popolare scrittore trentino, costruito su un sapiente gioco di rimandi tra una Innsbruck di fine Ottocento e i versanti e le dorsali della lunga ininterrotta catena alpina che collega il Tirolo alla Vallarsa, “Il camminatore” è la saga di un uomo che parte dal proprio piccolo paese natale, sperduto fra le verdi rotondità delle colline della Croazia, per ...