La signora nel furgone e le sue conseguenze

Mancava un po’ a tutti, l’intrattabile Miss Shepherd. Ai moltissimi lettori della "Signora nel furgone", naturalmente. Ma soprattutto al suo riluttante e devoto biografo, Alan Bennett, che come si poteva immaginare ha colto al volo la proposta del regista Nicholas Hytner: scrivere un film che avrebbe visto Maggie Smith nel ruolo della protagonista. Dal lavoro sul film è nato poi questo libro, che oltre al testo originale e alla sceneggiatura contiene uno scritto introduttivo di pungente sincerità dove per la prima volta Bennett, anche grazie a nuove pagine di diario, racconta fino in fondo la singolare relazione che per quindici anni lo ha legato al più eccentrico dei suoi personaggi, svelando a uno a uno, con nostro irrefrenabile divertimento, i lati più curiosi dello strano mestiere che, senza quasi volerlo, ha finito per fare – più o meno meglio di chiunque altro.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Alan Bennett

La sovrana lettrice (Opere di Alan Bennett)

La sovrana lettrice (Opere di Alan Bennett) 2 di

La fin troppo seria malattia della lettura, come solo un grande comico poteva raccontarla.

Quattro storie inglesi (Opere di Alan Bennett)

Quattro storie inglesi (Opere di Alan Bennett) di

Il volume contiene:“La signora nel furgone”“Nudi e crudi”“La cerimonia del massaggio”“La sovrana lettrice”

Gente (Piccola biblioteca Adelphi)

Gente (Piccola biblioteca Adelphi) di

Tre anziane, eccentriche signore, una cadente dimora di campagna, e il problema di metterla a reddito. Come? Una soluzione: far intervenire l'onni­pre­sente National Trust, se non fosse che il suo e­missario si è rivelato un po' troppo entusiasta di certi vecchi pitali e del loro utilizzo da parte di alcune, antiche, celebrità. Molto meglio, per il momento, andare sul sicuro, cioè accettare l'o...

Una vita come le altre (Fabula)

Una vita come le altre (Fabula) di

Il ricovero della madre per una grave forma depressiva è la miccia che accende in Bennett la voglia di esplorare la storia della propria famiglia, le sue vicende dimenticate o rimosse: e a cominciare un viaggio che lo porterà a rivolgere verso se stesso lo sguardo acuminato e feroce che lo ha reso celebre.