Tentazione Carnale

Può un incontro casuale trasformarsi nella storia d'amore della vita? Anche quando tutto sembra sbagliato?

"Ho deciso prima di fare una doccia e poi di vestirmi in modo più casual . È stato un sollievo benedetto dare un calcio ai miei tacchi alti e togliermi gli abiti da lavoro. Entrai nella doccia, prima assaporando lo spruzzo caldo e poi andando alla deriva per riflettere sulla mia cena con Lynn. Non sono lesbica, non ho mai avuto un'esperienza con una donna, eppure qualcosa dentro di me mi ha detto che questa cena potrebbe diventare un'esperienza memorabile con il "dopo cena", che per me comunque era un mistero completo. Ho usato la minuscola barra di sapone dell’hotel per creare una ricca schiuma nelle mie mani e ha fatto scivolare le piccole bolle nel mio seno. Ho sempre visto il mio seno come una parte attraente del mio corpo e la doccia è stata una buona occasione per apprezzare la consistenza morbida della mia pelle, la consistenza ciottolosa dell'areola e la fermezza dei miei capezzoli eretti. La danza erotica delle mie mani sul mio corpo è stata un piacevole diversivo dal trauma del viaggio e della giornata intera. Le mie mani si abbassarono, facendo il punto sulla mia pancia piatta e sul piazzaletto pubico ben curato sotto. Mi sono rasata di nuovo le gambe per buona misura anche se non sentivo la presenza di eventuali stoppie.
Rimasi un paio di minuti in più solo per godermi la sensazione della risacca d'acqua sul mio corpo, poi uscii dal box doccia per sentire il freddo tonificante del pavimento del bagno. Ma anche quello shock da freddo e gli asciugamani sottili dell'hotel non hanno sminuito il rinnovamento che ho sentito dalla doccia. Rinfrescata, sono andata alla mia valigia e ho scelto i miei abiti più comodi, una polo rosa, jeans ben indossati e un paio di scarpe da tennis in tela. Ho scelto uno dei miei migliori completini di reggiseno e mutandine anche se all'epoca non sapevo esattamente perché lo stessi facendo. "

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Victoria Black

Quattro Ore Al Piacere

Quattro Ore Al Piacere di

L'attesa del piacere è più eccitante del piacere stesso...La mano che copre la tua bocca si muove verso il basso, stringendoti il collo, mentre l'altra mano armeggia con il chiavistello sul baule che teniamo ai piedi del letto. Spalanco il coperchio, raggiungo l'interno e tiro fuori un paio di manette, usandole per fissarti i polsi dietro la schiena. Ti rigiro, le mie labbra ti devastano in un ...

Serate Fra Amiche

Serate Fra Amiche di

Maura si alzò barcollando e si diresse verso il retro e giù per un lungo corridoio, dove si trovavano i bagni. Una porta si spalancò alla sua sinistra facendola sobbalzare. "Ehi, Sonia è qui, non sembra star così bene." Stefano ha spiegato ad una Maura confusa. "Cosa? Perché è lì dentro con te .... ahi !!" Urlò Maura, sentendo una puntura acuta nella spalla. L'ultima cosa che aveva visto prima ...

Una Moglie Annoiata: Una Moglie Annoiata

Una Moglie Annoiata: Una Moglie Annoiata di

Si fermò a casa sua, un vecchio magazzino sul lato opposto della città che era stato convertito in appartamenti ed entrò, con la sua borsa in mano mentre cercava il suo appartamento e alla fine bussò alla porta, il suo cuore svolazzante per il nervosismo . La porta si aprì e un uomo alto con i baffi e la corporatura imponente le aprì la porta. ”Ingenuobuco, presumo, vieni tesoro", e lei si tras...

Il Giorno

Il Giorno di

Mi rivolse un sorrisetto mentre mi guardava a metà, chiedendomi quasi scusa per la sua assenza. Scambiammo solo un piccolo contatto visivo. Mi chiedevo se avesse notato qualcosa nello sguardo sul mio viso perché in un attimo seppi di essere tornato a caccia. Il lupo dentro di me ululò. Devo aver sorriso. Ora sapevo che uno dei principali ostacoli per raggiungere il mio obiettivo era stato risol...

Il Premio

Il Premio di

"Non dire una parola, bambina” sussurrò, tracciando le sue labbra attraverso l'orecchio, mandandole un brivido lungo la spina dorsale. "Ora toglierò la mano. Il momento in cui decidi di aprire quella tua bella bocca per gridare è il momento in cui il mio coltello va nel tuo fegato, capito?" Lei rabbrividì e annuì contro la sua forte presa. Le tolse la mano dalla bocca e si girò per fronteggiare...

Pelle A Pelle

Pelle A Pelle di

Diede una scossa contro di lui, ma lui la spinse giù nel materasso, affermando il suo potere su di lei. Lei gemeva, le sue dita si arricciavano nel lenzuolo. Fece scivolare la mano sotto di lei, verso la piccola e stretta collinetta che era il suo punto di piacere e accarezzò a ritmo il suo spingere. Cominciò a contrarsi, urlando di piacere, quasi per buttarlo giù ma lui la strinse con fermezza...