La Vera Storia

Intrighi, sesso ed un intreccio di situazioni strane, con un lieto fine. Quando l'amore appare senza che ce lo aspettiamo.

Non appena entrarono nella stanza d'albergo, Pamela prese la mano di Jack e lo baciò, prima dolcemente, poi più profondamente. Jack la abbracciò forte e la baciò per un po’, poi cominciò ad armeggiare con i bottoni della camicetta. Sembrava volesse fare lui la spogliazione, così rimase ferma, passivamente, e gli permise di farlo. Mentre scopriva ogni parte del suo busto - spalle, braccia, seno - la coprì di baci morbidi e secchi.
Quando fu nuda fino alla vita, iniziò a sbottonargli la camicia. Le prese le mani e le baciò, impedendole gentilmente di continuare.
La condusse al letto, la fece sedere e si inginocchiò per toglierle le scarpe. Rimettendola di nuovo in posizione eretta, sciolse la cintura sulla gonna e la lasciò cadere sul pavimento. Le infilò i collant sui fianchi e sulle gambe, poi le fece alzare la schiena per sfilarli con cura.
Tirandola di nuovo in piedi delicatamente, tolse il copriletto, la coperta e il lenzuolo superiore dal letto, e poi le fece scivolare le mutandine sulle caviglie. La calò di nuovo sul letto e poi le fece scivolare sui suoi piedi, rendendola completamente nuda.
Era ancora completamente vestito, compresa la cravatta e la giacca sportiva.
"Sei bellissima” disse lui, dolcemente, fissandola. "Così bella."
Sapeva che non lo era, ma nel modo in cui lo diceva, poteva dire che ci credeva. Non voleva dire che era bello anche lui in risposta perché era una bugia evidente. Invece, lei disse: "Voglio che tu faccia l'amore con me", il che era vero. Poteva sentire la sua umidità renderla scivolosa dentro.
La guardò per un lungo minuto, come se stesse memorizzando ogni curva del suo corpo, poi tornò alla porta d'ingresso e azionò l'interruttore, spegnendo le luci nella stanza. Non era completamente buio, una luce passava attraverso le calotte che coprivano le finestre, ma i suoi occhi non si erano ancora adattati all'oscurità, così da poterlo vedere solo come una forma ombrosa mentre si spogliava.
Era impacciato col suo corpo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Victoria Black

Quattro Ore Al Piacere

Quattro Ore Al Piacere di

L'attesa del piacere è più eccitante del piacere stesso...La mano che copre la tua bocca si muove verso il basso, stringendoti il collo, mentre l'altra mano armeggia con il chiavistello sul baule che teniamo ai piedi del letto. Spalanco il coperchio, raggiungo l'interno e tiro fuori un paio di manette, usandole per fissarti i polsi dietro la schiena. Ti rigiro, le mie labbra ti devastano in un ...

Serate Fra Amiche

Serate Fra Amiche di

Maura si alzò barcollando e si diresse verso il retro e giù per un lungo corridoio, dove si trovavano i bagni. Una porta si spalancò alla sua sinistra facendola sobbalzare. "Ehi, Sonia è qui, non sembra star così bene." Stefano ha spiegato ad una Maura confusa. "Cosa? Perché è lì dentro con te .... ahi !!" Urlò Maura, sentendo una puntura acuta nella spalla. L'ultima cosa che aveva visto prima ...

Tre Volte A Settimana

Tre Volte A Settimana di

Maria Rita emise un ululato di angoscia mentre un altro orgasmo la scuoteva e, superando il suo apice, cominciò a calmarsi un po’. Stava piangendo e la causa del suo pianto era l'assenza dell'unica cosa che voleva così tanto: un uomo.Questo potrebbe sembrare strano dal momento che aveva un marito. Potrebbe sembrare ancora più strano visto che il marito, Ruggero, copulava tre volte a settimana c...

Una Moglie Annoiata: Una Moglie Annoiata

Una Moglie Annoiata: Una Moglie Annoiata di

Si fermò a casa sua, un vecchio magazzino sul lato opposto della città che era stato convertito in appartamenti ed entrò, con la sua borsa in mano mentre cercava il suo appartamento e alla fine bussò alla porta, il suo cuore svolazzante per il nervosismo . La porta si aprì e un uomo alto con i baffi e la corporatura imponente le aprì la porta. ”Ingenuobuco, presumo, vieni tesoro", e lei si tras...

Il Giorno

Il Giorno di

Mi rivolse un sorrisetto mentre mi guardava a metà, chiedendomi quasi scusa per la sua assenza. Scambiammo solo un piccolo contatto visivo. Mi chiedevo se avesse notato qualcosa nello sguardo sul mio viso perché in un attimo seppi di essere tornato a caccia. Il lupo dentro di me ululò. Devo aver sorriso. Ora sapevo che uno dei principali ostacoli per raggiungere il mio obiettivo era stato risol...

Il Premio

Il Premio di

"Non dire una parola, bambina” sussurrò, tracciando le sue labbra attraverso l'orecchio, mandandole un brivido lungo la spina dorsale. "Ora toglierò la mano. Il momento in cui decidi di aprire quella tua bella bocca per gridare è il momento in cui il mio coltello va nel tuo fegato, capito?" Lei rabbrividì e annuì contro la sua forte presa. Le tolse la mano dalla bocca e si girò per fronteggiare...