Io e il mio camino (Emozioni senza tempo)

Compra su Amazon

Io e il mio camino (Emozioni senza tempo)
Autore
Herman Melville
Editore
Fermento
Pubblicazione
13 luglio 2015
Categorie
Una delle opere più gustose del grande letterato americano, che si ispira a un evento avvenuto nel 1850: Melville quell'anno si trasferisce in una grande fattoria a Pittsfield, Massachussets. È proprio lì che comincerà a scrivere il suo capolavoro più grande, 'Moby Dick'. In quella fattoria, nominata Harrowhead, sarebbe rimasto tredici anni ed è lei la vera protagonista di questo romanzo, nel quale Melville si immagina nei panni di un anziano e burbero fumatore di pipa, che adora trascorrere lunghe ore davanti al caminetto della sua casa. In maniera esilarante, la storia racconta delle battaglie di costui contro la moglie, che progetta di rivoluzionare la casa e quindi di smantellare anche il suo amato camino. Oltre al delizioso racconto delle piccole e grandi battaglie combattute tra coniugi all'interno delle mura domestiche, questa è anche una metafora del conflitto che da sempre divide gli uomini, sospesi tra il desiderio di modernità e la fisiologica tendenza a resistere al cambiamento. All'interno - come in tutti i volumi Fermento - gli "Indicatori" per consentire al lettore un agevole viaggio dentro il libro.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Herman Melville

Benito Cereno (BUR CLASSICI MODERNI)

Benito Cereno (BUR CLASSICI MODERNI) di

Una nave misteriosa con il suo capitano spagnolo, la bonaccia, un comandante americano che, ligio ai propri doveri, sale a bordo per portare aiuto: è l’avvio di un comune racconto di mare, si rivelerà un satanico doppio gioco narrativo. Quanto accade sulla Saint Dominick, una sorta di immensa scacchiera in cui si mescolano il bianco dei marinai e il nero degli schiavi, il lamento delle cantilen...

Moby Dick (Garzanti Grandi Libri)

Moby Dick (Garzanti Grandi Libri) di

Il vero protagonista di Moby Dick è il mare: omerico e biblico insieme, diventa il regno dei mostri, del terrore, delle immense profondità che sfuggono alla comprensione umana; la balena bianca contro la quale lotta ostinatamente e inutilmente il capitano Achab è un abbagliante simbolo dell’assurdità e del male del mondo. Quest’opera, che per grandezza di concezione e di realizzazione è stata p...

Bartleby, lo scrivano - Chicchirichì! - Billy Budd, marinaio (eNewton Classici)

Bartleby, lo scrivano - Chicchirichì! - Billy Budd, marinaio (eNewton Classici) di

Cura e traduzione di Riccardo Reim (Bartleby, lo scrivano e Chicchirichì!)Traduzione di Flaminio Di Biagi (Billy Budd, marinaio)Edizioni integraliBartleby è il nome di un grigio, sparuto impiegato di Wall Street che, senza fornire spiegazione alcuna, man mano rinuncia al suo lavoro di copista e rimane immobile in silenzio a fissare un muro, impervio a ogni tentativo di persuasione, mite e rispe...

Moby Ddick: la balena bianca

Moby Ddick: la balena bianca di

  Il Capitano Achab fa subito capire che sarà una spedizione insolita, tesa alla vendetta contro Moby Dick, la grande balena bianca che gli aveva divorato la gamba. Al primo avvistamento di una balena, Achab porta con sé su una lancia il suo equipaggio privato, rimasto nascosto fino a quel momento.La lancia di Ismaele si capovolge attaccata da una balena, ma il gruppo scampa al naufragio. Tempo...

Billy Budd (edizione italiana) (I Classici Bompiani Vol. 12)

Billy Budd (edizione italiana) (I Classici Bompiani Vol. 12) di

Scritto pochi mesi prima della morte di Melville, Billy Budd è una storia di mare ambientata su una nave da guerra inglese alla fine del Settecento. Un mozzo ventenne ingiustamente accusato dal maestro d’armi viene impiccato e rimane nella memoria degli altri marinai con la vivida forza dei martiri. Come sempre in Melville, la narrazione si configura come rappresentazione simbolica di una condi...

La veranda

La veranda di

Dopo aver comprato una vecchia fattoria nel Massachusetts, un uomo desidera contemplare il paesaggio, ma la casa è sprovvista di una veranda. Scendendo a compromessi con se stesso, si accontenta di farne costruire solo una parte, sul lato nord. Una volta terminata, vi si accomoda ad ammirare la montagna che sovrasta la valle. Ogni giorno, seduto fuori a fine giornata, nota un riflesso tra i bos...