L'arciere del Reno

«Sul finire dell’anno 1340, in una fredda ma ancora bella notte d’autunno, un cavaliere percorreva il sentiero che costeggia la riva sinistra del Reno. La luna cominciava a irradiare la sua luce d’argento; e noi approfitteremo di quel furtivo raggio di luce per dare una rapida occhiata al notturno viaggiatore»… L’inquietante sospetto di una falsa paternità e di un matrimonio tradito. La rabbia. La sete di vendetta. È questa la temperie di sentimenti che il conte Ludwig di Godesberg rivela all’amico Karl di Hombourg – il cavaliere in cui si è imbattuto il lettore alle prime righe. A fare le spese delle inquietudini e dei sospetti di Ludwig è il figlio Ottone, che viene rinchiuso in monastero, al pari di sua madre, confinata in un convento. Saranno le acque del Reno a salvare Ottone, che gettandosi da una finestra si darà alla fuga e si unirà a una banda di arcieri. L’abilità con l’arco sarà l’arma del suo riscatto che, di torneo in torneo, in una serie di riti d’iniziazione, lo porterà alla scoperta del coraggio, dell’amore, dell’onore, della lealtà e dell’amicizia. Questo racconto dumasiano degli esordi, scritto nel 1838, inaugura uno dei temi preferiti dal suo autore: quello della vendetta, che toccherà il culmine nel Conte di Montecristo. Anche Ottone, infatti, alla fine getterà la maschera e svelerà la sua nobile identità, celata a lungo sotto un’austera armatura e dietro un leggendario scudo fregiato da un cigno altero. Ma a conquistare il cuore della bella Elena ci aveva già pensato la nobiltà del suo animo, prima che quella dei suoi natali… Una storia che, al susseguirsi di emozioni e colpi di scena, unisce le tinte fosche del romanzo cavalleresco, in cui spiriti maligni e benigni tramano e si scontrano per determinare i destini all’ombra del vecchio castello sul Reno. Alle avventure di Ottone seguono quelle del primo conte di Fiandra, Lyderic, narrate nel secondo racconto dumasiano tradotto in questo volume, scritto nel 1839. Cresciuto in una foresta e allattato da una cerva, il conte Lyderic, spinto dal desiderio di conoscere le sue vere origini, parte per un lungo viaggio che lo condurrà fino in Scozia e in Islanda. Lotte contro i draghi, vendette, duelli, segreti inconfessabili: i migliori ingredienti del romanzo dumasiano, a comporre un intreccio che spinge inesorabilmente il lettore a sognare sul filo delle pagine.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Alexandre Dumas

L'avvelenatrice: La marchesa di Brinvilliers (Collana Classici - Letteratura immortale)

L'avvelenatrice: La marchesa di Brinvilliers (Collana Classici - Letteratura immortale) di

A metà tra carnefice e vittima, tra assassina senza scrupoli e anima trascinata suo malgrado nel peccato più cupo, Marie-Madeleine d’Aubray è una figura che ha ispirato diversi autori e artisti e, non ultimo, Alexandre Dumas. Concessa in sposa al marchese di Brinvilliers, cavalcando perversioni e idee del suo amante, Gaudin di SantaCroce, Marie-Madeleine fa avvelenare la sua intera famiglia per...

Il tulipano nero

Il tulipano nero di

Nell’Olanda seicentesca, la società di Orticoltura di Haarlem ha indetto un concorso e messo in palio centomila fiorini a chi riuscirà a selezionare una nuova varietà di tulipani. Il giovane Cornelius van Bearle investe tempo e capitali per creare il tulipano nero e riuscirà, ma quando tre pregiatissimi bulbi saranno pronti, il vicino invidioso, anch’egli coltivatore di tulipani, lo accuserà di...

Il capitano Paul (Gli avventurieri)

Il capitano Paul (Gli avventurieri) di

Nella golfo di Lorient getta l'ancora un misteriosa fregata. Batte bandiera francese ma a comandarla è un uomo senza patria e senza nome arrivato sulle coste bretoni per scoprire il mistero delle sue origini, i suoi uomini lo chiamano semplicemente: capitano Paul. E' un corsaro al soldo di Luigi XVI e combatte contro gli inglesi al fianco dei ribelli americani, il suo destino finirà per incroc...

Attacco alla Convenzione: I Bianchi e i Blu - Parte II

Attacco alla Convenzione: I Bianchi e i Blu - Parte II di

Parigi, ottobre 1795: il Terrore è passato e la società parigina vede affermarsi nuove tipologie sociali, gli incredibili e le meravigliose, giovani seguaci di un lusso ostentato e stravagante. La Convenzione termidoriana che si è insediata dopo la caduta di Robespierre è minacciata da un’insurrezione popolare legittimista. Sembra non esserci speranza per la neonata Repubblica, ma il giovane Na...

I compagni di Jéhu

I compagni di Jéhu di

Siamo in Francia, all’inizio del XIX secolo. Il Terrore è terminato e la Prima Repubblica è tenuta in piedi con difficoltà da un Direttorio inefficiente e già corrotto. I Borbone vedono approssimarsi il momento di riprendere il potere ed organizzano un esercito in Vandea. Ma occorrono finanziamenti. Se ne incarica un gruppo di giovani nobili che assaltano le diligenze e depredano il danaro pubb...

A. Dumas. I Borgia: La salita al trono, i complotti e i tradimenti, gli assassinii, gli avvelenamenti, le abitudini deviate, i personaggi e il clima storico ... un regno durato undici anni. (RLI CLASS

A. Dumas. I Borgia: La salita al trono, i complotti e i tradimenti, gli assassinii, gli avvelenamenti, le abitudini deviate, i personaggi e il clima storico ... un regno durato undici anni. (RLI CLASS di

Scarica un estratto GRATIS e inizia a leggere subito!Questo ebook ha: INDICE LINKATO.Conosciuto per gli avvincenti romanzi, Dumas è stato anche uno storico di grandi capacità. Questo libro scritto più di tre secoli dopo gli avvenimenti, consultando le opere documentali di altri grandi autori (Sopra tutti Niccolò Machiavelli che fu segretario di Cesare Borgia), conferma ancora una volta le doti ...