Il Profumo

Ho spinto una cartella sul lato della scrivania. A quanto pare ho spinto un po' troppo forte e scivolò sulla scrivania e sul lato della stessa, cadendo tra la scrivania e il muro. La scrivania è piuttosto vicina al muro e non potevo girarla da quella parte. Anche i cassetti erano su quel lato quindi non potevo raggiungere lo spazio da sotto la scrivania per prendere la cartella.

Scrutando lo spazio ristretto pensavo di poterlo raggiungere solo se mi fossi davvero allungata. Finii per alzarmi in piedi su un piede solo, mentre l'altro piede ondeggiava nell'aria, mentre allungavo il braccio verso il basso, agitandomi e cercando di afferrarla. Niente da fare.

Ho cambiato le mie tattiche un po'. Ora stavo in piedi sull'altro piede, il mio piede originale ora ondeggiava nell'aria, mentre il mio viso era incastrato nella fessura tra la scrivania e il muro in modo da poter vedere quella cartella malefica che era ancora fuori dalla mia portata. Nessun progresso. Ho afferrato un righello e ho iniziato a tirare la cartella verso la parte anteriore della scrivania.

Mentre lo stavo facendo, non mi era mai passato per la testa che aspetto avrebbe avuto la situazione a chiunque fosse entrato. Il capo non doveva arrivare e non c'erano appuntamenti e quindi non mi aspettavo nessuno.

Di sicuro non mi aspettavo una voce profonda che iniziasse a parlare con me.

"Bel profumo che hai," disse questa voce. "Rose con un pizzico di qualcos'altro. Mi piace."

Ora, la mia reazione normale a questo sarebbe stata di gridare "Wow" o qualcosa di simile e raddrizzarmi in fretta. Non è vero? Bene, questa volta non l'ho fatto. Oh, ho certamente gridato, "Wow", o qualcosa del genere ma è andata diversamente. Quello che ho fatto è stato poi aggiungere "Che cazzo…?" a quello che ho urlato.

La ragione di questa seconda esclamazione era duplice. La prima è che c'era una mano sulla mia schiena che mi teneva schiacciata dove stavo. La seconda era perché c'era un'altra mano che prendeva le mie mutandine ad altezza dell'inguine e le trascinava di lato.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

Ogni Venerdì Sera

Ogni Venerdì Sera di

"Sei bella in ogni modo, Eva." La sua faccia si avvicinò alla sua e le sue labbra sfiorarono la punta del suo naso, e poi le sue labbra. Le mani di Alex si avvicinarono per coprirle i seni, e quando Stefan si tirò leggermente indietro, Alex usò quelle mani per accoccolarsi la schiena contro il suo petto. Poi le labbra di Stefan erano al suo capezzolo destro, succhiavano avidamente e leccavano. ...

Contro Ogni Probabilità

Contro Ogni Probabilità di

Il generale Desmond provò un brivido di attesa mentre guardava il display; aveva aspettato molto tempo per questo. Per quasi un anno la stava facendo a pezzi con quasi nessun progresso. Se i rapporti erano accurati, il programma aveva gestito anche ciò che non poteva, nonostante l'assimilazione. I suoi capelli castani catturarono il suo sguardo nella cella spoglia. Era seduta su una sedia bassa...

Rosso Per Smettere

Rosso Per Smettere di

È andata da lui quella notte. Non aveva nemmeno preso in considerazione la possibilità, quando alla fine era collassato nella sua branda consumata dal giorno. Si arrampicò su di lui mentre i suoi occhi si aprivano sulla sua forma sfocata che si stagliava contro il bagliore delle luci del diluvio all'esterno. "Ti dispiace se mi inserisco?" disse lei, lasciando cadere la sua faccia vicino a quell...

Verso La Libertà

Verso La Libertà di

Una corsa pazza contro il suo aguzzino, una casa appena comprata per sfuggire al suo destino...Le sensazioni salivano dal suo inguine, spronate in avanti ad ogni giro, ogni tocco della sua lingua, ogni gemito vibrante. Quando arrivò, sentì che sarebbe potuta svenire, la testa china, il sangue che le scorreva dentro. Il suo corpo tremava sotto la sua bocca. Sembrava artigliare sulle sue costole ...

Pensieri Illeciti

Pensieri Illeciti di

Ero insensibile alle sue parole, concentrandomi invece sul suo palmo fresco che continuava a vagare tra il mio ginocchio e la parte superiore della mia coscia. Il suo tocco, come sempre, aveva un modo particolare di trascinarmi in uno stato ipnotico, levitante dalla normalità della vita che vivevo. E mentre continuava ad accarezzarmi, stuzzicandomi con la punta delle dita contro le labbra nude ...

Passione Selvaggia: Parte Terza - Verso Una Nuova Vita

Passione Selvaggia: Parte Terza - Verso Una Nuova Vita di

Si era sistemata sulla sua nave di sua spontanea volontà, assicurandosi così di essere in grado di mantenere se stessa una volta che non era più sotto la sua responsabilità, eppure l'aveva assunto aprendo un conto in banca per Willy. Girò e rigirò nel letto cercando di dare un senso a tutto, ma sembrava che, per quanto duramente provasse a vederlo in modo diverso, tornava sempre ad apparire che...