Supplicami

Corse verso la cucina, ma lui la prese quasi per un braccio, tirandola indietro. Si è schiantata contro il suo petto ed ha cercato di scappare usando la mano destra per dare un pugno alla gola e artigliargli gli occhi. Le sue unghie lasciarono segni rossi sul suo viso, ma non sembrava affatto infastidito dal pugno alla gola. Lui la fece girare, le bloccò entrambe le braccia sulla schiena e si diresse verso un cassettone finché entrambi non si appoggiarono ad esso. Lui la spinse su di esso, facendola piegare alla vita e lei urlò al pensiero di cosa avrebbe potuto fare dopo. Ma per ora c'era solo un ticchettio metallico e l'acciaio freddo le cingeva i polsi. Cercò di allontanarsi per sfuggire alle manette, ma lui stava mettendo tutto il suo peso su di lei e lei non poteva muoversi di un centimetro. Quando le manette furono chiuse a chiave, si tolse con cura la sciarpa e gliela legò intorno alla testa e sugli occhi come una benda. Poi la lasciò andare completamente. Si raddrizzò, sentendosi stordita e incerta su dove fosse. Si voltò, sentendo il comò in fondo alle sue cosce e sentendolo di fronte a lei.
"Per favore lasciami andare” sussurrò.
"No” disse in tono pratico e poi improvvisamente le fu di nuovo addosso. Il mondo si è capovolto e si è ritrovata appesa ad una spalla, le braccia attorno alla schiena ed alle gambe. Non osava calciare, o anche muoversi, nel caso in cui la lasciasse cadere. Sembrava imperturbabile e stava canticchiando qualcosa in silenzio mentre saliva le scale.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Monica Scott

La Gatta

La Gatta di Monica Scott

Louise fece qualche passo, poi si girò e tornò al divano. Si voltò di nuovo e i suoi occhi si posarono sulla porta principale. Ci fu una piccola titubanza nel respiro per un secondo e poi camminò verso la porta. Si fermò con la mano sulla maniglia della porta ed emise un suono piagnucoloso. Voleva aprirla e uscire. Sei pazza, il suo cervello urlava da una parte e provava euforia dall'altra. ...

La Cagna Crudele

La Cagna Crudele di Monica Scott

Dove può arrivare la sottomissione di un uomo? E quanto peso ha la forza e la bellezza di una donna spietata e crudele? Più ci pensava, più si rese conto di quanto fosse ridicolo il suo piano. Se lei stava davvero cercando di sedurlo, aveva fatto un pessimo lavoro. Era la donna più fredda, malvagia e vile che avesse mai incontrato. Questo non era affatto cambiato. Se mai, era peggiorata. L'...

La Donna Dei Sogni

La Donna Dei Sogni di Monica Scott

Una ragazza, come sempre, attirò la sua attenzione. Non riusciva a ricordare il suo nome. Penelope qualcosa, pensò. Era spettacolare. Era la più giovane di tutti i dirigenti e più giovane di molti segretari. Sembrava che cercasse di proiettare un'immagine altera a causa di ciò. Era estremamente formosa e sebbene fosse molto attenta ad indossare abiti molto severi, non riuscivano a nascondere la...

Naturalmente Sottomessa

Naturalmente Sottomessa di Monica Scott

Sono chiusa in una gabbia e alla fine dicono che posso togliermi la benda. Sono già spariti, non li vedo, scorgo solo la porta in fondo al corridoio che si chiude dietro di loro. Mi sembra di essere nel mezzo di una fila di quattro o cinque piccole celle senza finestre, ma sono vuote. Devo essere l'unica prigioniera in questo momento, altrimenti tengono lontani gli altri schiavi dalle ragazze ...

Il Volo Della Colomba: Non Mi Piegherai

Il Volo Della Colomba: Non Mi Piegherai di Monica Scott

Alle sei meno un quarto, Nathan si diresse verso la sua tana, prima di andare in cucina per assicurarsi che la cena fosse pronta in tempo. Piantagrane era lì, nuda, a parte un piccolo grembiule ed i tacchi a plateau. Chinò la testa e arrossì quando il suo Maestro entrò. "Ha un buon odore, piccola. Quanto ancora? "Una ventina di minuti, Maestro” rispose lei quietamente. Sorridendo, le ...

Vieni Con Me

Vieni Con Me di Monica Scott

"Spogliati Agata, vorrei vedere il tuo corpo." La sua richiesta la riportò alla realtà della stanza. Ora era preoccupata, avrebbe visto il suo corpo poco attraente per quello che valeva; non gli sarebbe piaciuta la sua forma esile, lo sapeva. Lei esitò. "Ora, Agata." Non aveva voglia di disobbedire; tornò nella stanza, lontano dalla finestra. "No Agata, vicino alla finestra." Agata era vicina ...