L'indifferente (I corti di Alphaville)

Pubblicato nel 1896, “L’indifferente” è un racconto che ha nel corpus delle opere di Marcel Proust una collocazione particolare. Escluso dal suo autore dalla raccolta di prose e poesie “Les plaisirs et les jours”, cadde nell’oblio fino al 1978 quando il curatore dell’edizione critica dell’epistolario proustiano la riscoprì grazie a un accenno contenuto in una lettera del 1910 in cui lo scrittore domandava una copia della rivista La Vie contemporaine su cui era stato appunto pubblicato il racconto perché aveva necessità di quel testo. La ragione per cui Proust richiedeva una copia di quella rivista è che con ogni probabilità lo scrittore aveva intenzione di servirsene come spunto, visto che il suo tema ideale è assai simile a quello di “Un amour de Swann”, la seconda parte del primo volume della Recherche che lo scrittore andava scrivendo in quegli anni. Non è difficile individuare infatti più di un’analogia tra i protagonisti delle due opere, Madeleine de Gouvres e Lepré da una parte e Charles Swann e Odette de Crécy dall’altra, non tanto nelle situazioni contingenti, quanto nei meccanismi psicologici che guidano i comportamenti dei personaggi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Marcel Proust

Un amore di Swann (Emozioni senza tempo)

Un amore di Swann (Emozioni senza tempo) di

Ecco la prima parte della monumentale opera di Proust: 'Un amore di Swann' rappresenta un romanzo nel romanzo, ovvero la seconda delle tre parti di cui è costituito il primo volume de 'Alla ricerca del tempo perduto'. Pubblicato nel 1913 a spese dell'autore, il protagonista è Charles Swann che ripercorre la propria travolgente passione per Odette de Crécy: una donna raffinata ma opportunista. I...

Dalla parte di Swann (Emozioni senza tempo)

Dalla parte di Swann (Emozioni senza tempo) di

Il primo volume della monumentale opera di Proust contiene tutti i temi che poi l'autore svilupperà nel corso dell'opera più celebre della letteratura francese. Si parte dalle atmosfere gioiose e ovattate della prima infanzia, che includono il celebre episodio della madeleine e della tazza di tè, per trasformarsi nella passione travolgente e malata che unisce Charles Swann a Odette, andando inf...

L'indifferente

L'indifferente di

La versione Ebook di questa novella, è tratta quasi certamente da una vicenda personale di Marcel Proust relativa al suo rapporto con la principessa Wagram. Anche se appartiene alle sue prime opere già evidenzia il talento e la direzione artistica che lo scrittore svilupperà nel suo capolavoro, il romanzo che più lo rappresenta: Alla ricerca del tempo perduto. Lepré un giovane uomo non proprio ...

Alla ricerca del tempo perduto

Alla ricerca del tempo perduto di

«La qualità di Proust» scriveva Virginia Woolf «è l'unione dell'estrema sensibilità con l'estrema tenacia. È resistente come il filo per suture ed evanescente come la polvere d'oro di una farfalla.» Su questa sensibilità e su questa tenacia, e su molto altro ancora, è costruito il fascino della Recherche, colossale romanzo-mondo – l'unico che l'autore abbia dato alle stampe – frutto di quindici...

Breviario proustiano: Massime e sentenze della Recherche (Letture Einaudi Vol. 36)

Breviario proustiano: Massime e sentenze della Recherche (Letture Einaudi Vol. 36) di

Viviamo, di solito, col nostro essere ridotto al minimo; la maggior parte delle nostre facoltà rimangono assopite, fidandosi dell'abitudine che sa cosa si deve fare e non ha bisogno di loro. Di calma non ce ne può mai essere nell'amore, perché quel che si è ottenuto non è che un nuovo punto di partenza per desiderare dell'altro. Nell'attesa, l'assenza di quel che si desidera ci fa soffrire a ta...

Sodoma e Gomorra (Oscar grandi classici Vol. 63)

Sodoma e Gomorra (Oscar grandi classici Vol. 63) di

Ultimo volume della Recherche pubblicato da Proust in vita, tra maggio 1921 e aprile 1922, Sodoma e Gomorra è il libro più costruito e al tempo stesso libero, arioso e inventivo dell'opera, "il più ricco in fatti psicologici e romanzeschi" secondo lo stesso autore. A primeggiare è la figura di Charlus, una delle più grandi creazioni dell'universo proustiano, insieme al personaggio di Albert...