La Donna Dei Sogni

"Voglio che voi ragazzi mi guardiate bene per accogliermi davvero." Disse Aliandra, posando con le mani sui fianchi.
Per la prima volta, Varja ha davvero apprezzato la bellezza di questa donna. Aveva una bella faccia. I suoi capelli erano pieni e lucenti. Il suo culo era tondo e sodo, avvolto comodamente nei suoi jeans. E i suoi seni erano enormi. I suoi vestiti sembravano di ottima qualità, scelti per evidenziare le sue migliori caratteristiche. Su una scala puramente fisica, Aliandra era molto più sexy di lei. Varja guardò verso di loro per vedere se Marcus lo notasse, e mentre lo faceva, gli occhi di Marcus balzarono da Aliandra a lei, sentendo che sua moglie lo stava guardando.
"Fidati di me, i ragazzi cadono su se stessi e mi fissano, ma non tu, Marcus, non ti sei nemmeno accorto di me, questo mi ha fatto impazzire, come osi non accorgerti di me? Come osi non apprezzare ciò che ho da offrire? Volevo capire perché era così ... Che tipo di uomo non si accorge di me? Ecco perché ho fatto questo. Per cercare di capirlo. E penso di esserci riuscita. Mi sono resa conto che semplicemente non hai niente di meglio. Molto carino, visto che hai mentito a te stesso così profondamente che ti sei ingannato facendoti credere che la ami davvero, e francamente, come hai potuto? " Aliandra si fermò e camminò accanto a Varja.
"Voglio dire, guardala e vedila in confronto a me, guarda questi capelli sporchi, è una cosa normale? Wow, che tipo di ragazza non riesce a mantenere i capelli belli e puliti per il suo uomo? E questa pelle pastosa? Ehi, è disgustosa, non liscia e abbronzata come la mia ... pensi che le tue gambette tozze vincano gli uomini? Non sai che gli uomini osservano le gambe lunghe e rigide che li circondano? Ho visto il tuo culo quando ti ho legata. Non ho mai visto un culo più insignificante in vita mia. Non c'è semplicemente niente, lì. E ultimo, e sicuramente non da meno, sono i tuoi seni. Aspetta, hai anche il seno? Non posso dire se c’è. Non riesco a vedere nulla da qui, hai persino un reggiseno? Non c'è niente da sostenere. Non sai che gli uomini amano giocare con tette massicce e sode? Tette come le mie? Grandi e grasse. Fidati di me, le mie tette sono fantastiche. Morbide e ferme. Nessun uomo può averne abbastanza. Quando gli uomini ti guardano, hanno difficoltà a dire se sei veramente una ragazza. Con me? Fidati di me, gli uomini sanno che sono più donna di quanto potrebbero gestire. " Aliandra ha detto, ed il suo umiliante discorso verso Varja è finito.
"Vai a farti fottere, Aliandra." Disse Marcus con rabbia, difendendo la moglie.
"Non sarà necessario." Rispose Aliandra.
"Che cosa?" Marcus rispose. Aliandra lo guardò per un momento, poi allungò la mano e si sbottonò i jeans. Quando iniziò ad abbassarli, Marcus capì cosa stava per accadere.
"No, no, no, no, no, mi stai prendendo in giro. Mi prendi in giro?" Marcus ha urlato.
"Esatto, Marcus, non posso farci niente, sei così fottutamente sexy, ti mostrerò quello che ti sei perso e ti mostrerò com'è una vera donna. Ti mostrerò cosa vuole veramente un uomo. "

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Veronique Bertier

La Seduttrice Inaspettata

La Seduttrice Inaspettata di Veronique Bertier

Ero a metà della preparazione del pasto quando, da dietro di me, Romina mi chiese: "Hai bisogno di prendere qualcosa dalla camera da letto? Potrei essere addormentata, altrimenti". Mi voltai e la vidi in piedi, nuda, vicino alla porta della cucina. Preso alla sprovvista, la fissai. Ovviamente si era lavata e aveva i capelli ancora umidi. Vidi la sua grande pancia gonfia ed il suo seno pesante...

Io & Lei

Io & Lei di Veronique Bertier

Indossava solo i pantaloni della tuta, la mia in realtà credo, e una maglietta. Niente reggiseno, era assolutamente senza reggiseno. La sensazione di lei contro il mio corpo era un'illuminazione. Non era mai stato così prima, o non lo so, forse lo era stato e non l'avevo capito coscientemente. Ero acutamente consapevole della sua testa sulla mia spalla e della morbidezza del suo seno che ...

La Gemella

La Gemella di Veronique Bertier

Non poteva davvero accaderle questo. La mente di Clara impose di lottare per scongiurare la sua peggiore paura, nel caso in cui la sua mente non potesse accettarla. La sua grande avventura di vita avrebbe davvero potuto finire in una situazione come questa? Sicuramente era un caso di scambio di identità, intendevano colpire qualcun altro. Nessuno avrebbe avuto motivo di ferirla! Perché mai ...

Nella Notte

Nella Notte di Veronique Bertier

Era buio e freddo. L’inverno non aveva ancora stretto la presa, ma fuori nella notte si sarebbe rimproverato per averlo pensato. Non aveva idea di dove stesse andando e anche se conosceva bene le strade, il buio e il suo umore si univano per rendere il viaggio meno piacevole. E poi la vide. O almeno ha visto la sua macchina in anticipo. Rallentò il furgone chiedendosi che cosa avrebbe potuto ...

Felice E Contenta

Felice E Contenta di Veronique Bertier

Quella era un'idea. Giada aveva partecipato ad un ballo in maschera l'anno precedente e non ci volle molto per rintracciare la maschera veneziana dorata che aveva indossato. La indossò e guardò il suo riflesso nello specchio dell'armadietto dei medicinali. Era sicura di essere irriconoscibile, a patto che si coprisse il tatuaggio sulla spina dorsale, dalla parte sinistra. Ha messo le mani basse...

L'Ultimo Giorno

L'Ultimo Giorno di Veronique Bertier

Fu Gigliola ad aprire la porta, la pelle come seta nonostante l'ora e sembrava infinitamente bella e sexy, se non migliore, come il giorno in cui si erano incontrati la prima volta. Una piccola di un metro e mezzo con seni piccoli e gli occhi più belli del mondo, Gigliola faceva girare la testa ovunque andasse. In effetti, Erasmo ha dovuto ammettere che lei e suo fratello maggiore facevano una ...