La Tua Piccola Prigioniera

Edward sospirò, scuotendo la testa. Il denaro non era molto nel grande schema delle cose, dopotutto lui era un multimilionario, e il denaro poteva essere recuperato in un paio di giorni attraverso le imprese del suo impero. Era il principio che contava. Quello e il non perdere la faccia. Essere derubato da quella pomposa merda di un avvocato che avrebbe dovuto comportarsi da intermediario in un losco affare, non era buona cosa per la sua reputazione, né per il suo ego.
"Miss Sewing, sono fuori di cinquecentocinquantamila dollari e non sono di ottimo umore, adesso. Ti suggerisco di pensare molto attentamente prima di rispondermi, questa volta." Dov'è il tuo fottuto capo? "
"Per favore , non lo so, sono andata al lavoro lunedì e la sua scrivania era vuota e da allora non ho più visto né sentito sue notizie. Anche Gwen è scomparsa, ti giuro che ti sto dicendo la verità. Mi credi?
Appoggiandosi al gomito destro sulla coscia, si sfregò il mento con la mano, sentendo la barba di due giorni raspare contro le sue dita forti. Aveva notato la giovane donna la prima volta che era andato negli uffici del fottuto che era scappato con i suoi soldi. Aveva ammirato la sua corporatura snella ed il suo viso dolce circondato dai morbidi capelli scuri alle spalle, mentre passava dall'ufficio esterno al sancta sanctorum del suo capo.

Era una cosa carina , non il suo solito tipo, ma qualcosa dentro di lui l'aveva notata ogni volta che lo aveva visitato. Ogni volta che lei lo guardava timidamente attraverso le lunghe ciglia e poi chinava la testa per continuare a lavorare sul suo computer, sforzandosi di non farsi notare, mentre Gwen, la segretaria di Jacobs, lo aveva scortato attraverso la solida porta di quercia e lontano dal tenue profumo di rosa che si era diffuso verso di lui da dove sedeva.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

Il Profumo

Il Profumo di

Ho spinto una cartella sul lato della scrivania. A quanto pare ho spinto un po' troppo forte e scivolò sulla scrivania e sul lato della stessa, cadendo tra la scrivania e il muro. La scrivania è piuttosto vicina al muro e non potevo girarla da quella parte. Anche i cassetti erano su quel lato quindi non potevo raggiungere lo spazio da sotto la scrivania per prendere la cartella. Scrutando lo sp...

Fermata Di Autobus

Fermata Di Autobus di

Uno strano individuo, un sequestro lampo che diventa una storia d'amore."Non devi fare nulla", le disse Fabrizio. "Ti lascerò andare quando sarò pronto a lasciarti andare." Aurora sbuffò alla risposta criptica. "E 'questo quello che fai per il tuo divertimento, Fabrizio? Incatenamenti di persone ignare alle pensiline degli autobus per poter giocare a piccoli giochi malati con loro?" Il respiro ...

Mia

Mia di

Uno stalker. Una passione bruciante. Un'appassionante storia d'amore."Hai mai ucciso qualcuno? "Sussultò Rebecca. "Non ancora", sussurrò mentre le premeva le labbra contro il collo. La sua lingua si allungò per scivolare contro la sua pelle, e ciò rese duro per Rebecca pensare correttamente. "Ucciderei chiunque tentasse di portarti via da me", gemette contro di lei. Le sue dita ruvide si strins...

Il Pieno Controllo

Il Pieno Controllo di

" Ragazza, puoi vestirti ora." Disse e poi andò a farsi una doccia. Guardando indietro a Charlene e Nicole, disse loro: "voi due potete fare la doccia e vestirvi, ma avete solo venticinque minuti". Poi scomparve nello spogliatoio degli uomini.Nicole si guardò intorno e notò che Charlene non esitava ad afferrare la sua borsa da ginnastica e a dirigersi immediatamente verso lo spogliatoio delle d...

Beatrice: I Bisogni Di Una Moglie

Beatrice: I Bisogni Di Una Moglie di

Francesco aveva avuto più donne di quante ne potevi contare, era diabolicamente bello in un modo da zingaro, capelli neri ondulati arruffati, carnagione scura, alto 1,85 trasudava sex appeal, trasudava… infatti, ne aveva abbastanza da affondare una nave da battaglia! Un sorriso assolutamente coinvolgente e un corpo per cui morire. I suoi pari lo odiavano per questo, e diventavano gli uomini del...

Ogni Venerdì Sera

Ogni Venerdì Sera di

"Sei bella in ogni modo, Eva." La sua faccia si avvicinò alla sua e le sue labbra sfiorarono la punta del suo naso, e poi le sue labbra. Le mani di Alex si avvicinarono per coprirle i seni, e quando Stefan si tirò leggermente indietro, Alex usò quelle mani per accoccolarsi la schiena contro il suo petto. Poi le labbra di Stefan erano al suo capezzolo destro, succhiavano avidamente e leccavano. ...